Presentazione musical Rapunzel al Brancaccio

Ultima modifica 8 Settembre 2015

Al teatro Brancaccio è tutto in fermento per l’attesissimo debutto del musical “Rapunzel” dove Lorella Cuccarini sarà cattivissima nel ruolo di madre Gothel!

Musical Rapunzel al Brancaccio

La commedia è liberamente ispirata alla nota fiaba dei fratelli Grimm e sarà in scena dal 18 dicembre fino al 25 gennaio prossimo.

lorella cuccarini rapunzel
La più amata dagli italiani, sarà una perfida matrigna dai capelli neri. E ce lo ha confermato lei stessa, in conferenza stampa a teatro, il 15 dicembre scorso, per le prime anticipazioni.
Abituata ad interpretare ruoli romantici, Lorella Cuccarini si è voluta rinnovare, si è messa in gioco e si è divertita. Per non avere interferenze ed essere libera di interpretare la parte in modo nuovo, l’antagonista della dolcissima Rapunzel non ha volutamente guardato nessun vecchio film o cartone relativo alla favola.

brancaccio-rapunzel

“E’ una stacanovista, una perfezionista” il regista ce l’ha raccontata così. “E’ brava e questo un po’ te lo aspetti, ma non arrivi a immaginare quanto valore possa dare allo spettacolo. E’ una vera star, sul palco brilla di una luce tutta sua!”
Maurizio Colombi è il regista della commedia, noto ai più per il musical di Peter Pan di qualche anno fa che fu record d’incassi, anche se poi la sua esperienza è ampia in tema di commedie musicali e di prosa. Nella sua carriera è cantante, attore e regista. E’ carismatico e comunicativo, me ne accorgo mentre descrive questa esperienza di lavoro con la sua squadra, è attento alla cura ed alla valorizzazione del talento di ciascuno.

Il regista: Il teatro come una community

Ha raccontato di come il teatro favorisca la community: si lavora insieme, si fatica, si discute, ci si diverte, si vivono anche dei momenti difficili, ci si arrabbia ma si è sempre insieme. E’ orgoglioso che la sua compagnia è si un mix di professionalità e competenza ma è anche un insieme di forti caratteri. Ha trasmesso un po’ a tutti noi, che lo abbiamo ascoltato, la gioia che lui stesso prova per essere riuscito, con il supporto di tutti, a realizzare un progetto così grande. Si ritiene fortunato di fare un mestiere che forse è secondo solo a quello del calciatore, anche se la paga è di molto differente! Tutta la compagnia ha esaltato le peculiarità di Colombi: è disponibile, giocoso, di mediazione, leggero.
E’ un regista innovativo che si è immerso in tutti i personaggi che dirige per poterli reinventare assieme agli stessi attori. La sua è una recitazione particolarmente legata al movimento del corpo. La stessa Cuccarini ha dichiarato con entusiasmo di essere stata diretta da un professionista anche se, in un primo momento, nei primi giorni di prova ha ammesso di essersi sentita senza punti di riferimento – quando ha dovuto ricostruire la figura da interpretare partendo da zero insieme con le indicazioni della regia.
E’ il progetto intero ad essere innovativo ed è tutto da scoprire:

  • la reinterpretazione del regista che riesce a rendere umano il ruolo della cattiva Gothel: cattivi si diventa, non si nasce – il messaggio è positivo, di riscatto. Una storia, quindi, che ben si adatta a tutta la famiglia
  • gli effetti speciali in sala realizzati grazie al noto illusionista Eriks Logan
  • non è una semplice commedia, è praticamente un film. Le musiche sono originali e le scene sono accompagnate addirittura dai rumori – il tutto creato per l’occasione da un trio di eccellenti musicisti: Davide Magnabosco, Alex Procacci e Paolo Barillari. Ha collaborato ai testi delle musiche anche Maurizio Colombi!
  • Il corpo di ballo è ricercatissimo! Selezionato tra 1200 ragazzi
  • due giovani promesse i protagonisti: Giulio Corso nella parte di Phil e Alessandra Ferrari per Rapunzel. Addirittura per la ricerca di quest’ultima le audizioni sono state difficili, sembrava impossibile trovare quella giusta!

Lo spettacolo promette bene: 15.000 i biglietti già venduti, Alessandro Longobardi, il produttore ce lo annuncia in apertura. Anche i ringraziamenti della produzione vanno al lavoro svolto dell’oramai divenuto amico il regista.
Ed è proprio al regista che ho domandato, nel corso della conferenza, se fosse troppo faticoso rappresentare un po’ il punto di riferimento della sua squadra nel modo in cui lo fa lui. Ma lui è innamorato del suo lavoro e lo fa con passione, con divertimento. L’ho anche avvicinato finita la conferenza stampa ed ho approfondito con lui il tema della sua passione per il teatro. “Provare per credere, chi non ha mai fatto teatro deve provare!” questo è il suo motto.
Cosa, questo spettacolo ha dato al regista più di tutte le esperienze precedenti?
“La meraviglia nello scoprire una fantastica Lorella Cuccarini, molto più di quello che uno possa immaginare. Lorella ha 4 figli, è una grande donna che porta avanti il lavoro con grande professionalità, ma ha una potenza, un prestigio, un carattere non indifferente. Ha una grande personalità. E’ in grado di gestire la famiglia e la sua carriera con un grande spirito anche di sacrificio” “Quello che mi dispiace” mi ha confessato Maurizio “è che lei non ci tiene o comunque non le importa di tirare fuori questo suo lato e di farsi conoscere anche per questo”. Insomma mamme, la più amata dagli italiani è anche una donna-mamma grandiosa! E’ una mamma con le palle si può dire? Oramai l’ho detto!
Lo spettacolo è già andato in scena una sola serata a Montalto di Castro ed è stato come prevedibile un successo.
I 3 dei 4 figli di Lorella hanno partecipato entusiasti – pare canticchino già le melodie del musical.
Gli ingredienti per dire che si preannuncia uno spettacolo grandioso ci sono tutti.
Non vedo l’ora di immergermi anche io nei personaggi e nella magia della fiaba.

Graziana Le Donne

2 COMMENTS

Rispondi