Pupazzi alla Riscossa. U. Gotta. Love. Yourself. [ La Recensione]

Ultima modifica 21 Ottobre 2019

Abbiamo visto l’anteprima di Pupazzi alla Riscossa e ci siamo divertiti tantissimo!
Diretto da Kelly Asbury, distribuito dalla Lucky Red, con le voci di Diletta Leotta, Achille Lauro, Elio, Federica Carta e Shade esce nelle sale italiane il 14 novembre!

Il film prende spunto dai coloratissimi peluche di feltro UglyDolls della Hasbro usciti sul mercato il 2001 e diventati in poco tempo un fenomeno internazionale.

La scena si apre con l’ottimista e sognatrice Moxy che si sveglia ogni mattina cantando e preparandosi a festa dato che è quello, proprio quello, il giorno giusto per essere adottata da un bambino.

Pupazzi alla Riscossa

Purtroppo la realtà è ben diversa, sfortunatamente i pupazzi di Bruttopoli non sono destinati ai bambini ma alla spazzatura e vivono relegati in questo mondo sotterraneo ai quali è preclusa la possibilità di essere adottati.

Nonostante Moxy sia felice di vivere in questa città dove regna la gioia e la fratellanza, è spinta dalla curiosità di voler conoscere cosa si celi al di là del tunnel che collega Bruttopoli a ignoti paesi.

Ecco perchè un giorno decide di mettersi in viaggio assieme ai suoi fedeli amici UglyDog, Babo, Wage, Ox e Lucky Bat per andare alla ricerca del Grande Mondo.

Pupazzi alla Riscossa

Arrivano alla città di Perfezione dove ci sono centinaia di bambole tutte uguali, tutte perfette e tutte molto omologate.
I bambolotti seguono un addestramento molto rigido per potersi diplomare e essere mandate nel Mondo Reale.

In questa città Moxy e la sua gang strampalata fanno la conoscenza del bambolo più perfetto che esista, Lou il quale fa credere loro che potranno prendere parte alla scuola di perfezione e alla Prova Finale.

In nostri amici avranno filo da torcere da parte delle Spy Girls seguaci di Lou e faranno amicizia con Mandy una pupazza apparentemente perfetta ma con un grande segreto da scoprire. Nuove esperienze che gli permetteranno di conoscere soprattutto se stessi e iniziare ad accettarsi con le loro singolarità.

Non è necessario essere perfetti per piacersi e stimarsi.

Viene detto loro che i bambini non vogliono il brutto ma Moxy non si arrende e con grande caparbietà e ottimismo ci crederà fino alla fine, fiduciosa non smetterà di sognare che c’è un bambino perfetto per lei che la sta aspettando.

Una avventura ricca di crescita che aiuterà i pupazzi a trovare la loro vera identità, a trovare la loro sicurezza, a trovare il compagno di giochi che li amerà per tutta la vita.

Pupazzi alla Riscossa

La grafica tondeggiante dai colori fluo e variopinti è bellissima e la storia viene accompagnata da una colonna sonora incredibilmente potente.
Il film è fondamentalmente musicale con mille stacchetti canori.
Batterete il ritmo con le loro canzoni orecchiabili ed emozionanti.

La visione ci propone moltissimi messaggi positivi e formativi.

Il filo rosso è non dare importanza al giudizio altrui, bisogna credere in se stessi e nella propria unicità come cantano i pupazzi “sono le differenze che ci rendono unici, sono i nostri difetti che ci rendono unici!”.
Temi importanti come l’accettazione, la diversità, la fiducia nelle proprie capacità individuali, la caparbietà di andare avanti e di credere e perseguire un proprio sogno.
Sono questi i valori che i pupazzi imperfetti di Pupazzi alla Riscossa insegnano ai nostri piccoli spettatori con i loro ritornelli “ci sarà sempre qualcuno che ti svaluterà, non lasciarti prendere, mostragli chi sei, quanta forza hai...”.

In un’epoca in cui l’aspetto esteriore conta più dell’interiore il film propone un dilemma sociale attuale quello del cosiddetto bullismo del “body shaming”, ovvero criticare l’aspetto. Un problema da sconfiggere in una società basata sulle apparenze ed influenzata dai social dove il messaggio negativo è “se non sei bello, se non piaci, non vali nulla”.

#Spaventometro0

Il film non mostra scene spaventose, la trama semplice, i disegni morbidi e rassicuranti rendono la visione adatta ai bambini dai tre anni di età in poi.

E voi siete pronti a essere U.G.L.Y???
L’acronimo di U. Gotta. Love. Yourself la dice tutta sul film… Devi Amare Te Stesso!!! Pupazzi alla Riscossa vi aspetta al cinema!

riproduzione riservata ®

Rispondi