Ritirati dal mercato i biscotti della Probios: hanno causato uno shock anafilattico

1
504

Ultima modifica 18 Dicembre 2015

Andrea è un bambino di 9 anni gravemente allergico alle proteine del latte.
Proprio per questo motivo i genitori si affidano solo a prodotti che rechino la dicitura ”privo di proteine del latte“.
Acquistano dunque i biscotti Bisfarro al cacao della ditta Probios, dove è stampato in bella vista sul fronte il simbolo della mucca barrata con la scritta “non contiene latte“.
probios-bisfarro-cacao

Andrea li ha mangiati diverse volte, ma a dicembre 2013 succede qualcosa: Andrea si sente male.I i genitori non pensano subito ai biscotti, perchè li ha già mangiati diverse volte, ma se l’istinto di un genitore è fortissimo, lo è ancora di più quello di un genitore che ha un bambino che soffre di una qualsiasi patologia.

La corsa in ospedale dove i medici non perdono tempo: dose massiccia di cortisone in vena, adrenalina subito. Shock anafilattico!

Andrea è salvo ma i genitori non si danno pace.
Fanno analizzare a proprie spese i biscotti e il laboratorio trova tracce importanti di proteine del latte nei biscotti bisfarro al cacao della Probios.
Contattano l’azienda, mettendo a disposizione le analisi fatte, ma non ottengono nessuna risposta. E siamo arrivati a gennaio 2014.
E allora la segnalazione arriva a Striscia la Notizia e Valerio Staffelli racconta la storia nella puntata del 27 gennaio 2014. Qui il video.

Striscia la Notizia scopre che anche altri prodotti che la Probios certifica come “senza latte” sono fortemente contaminati come i Bis kamut al cacao a marchio Top Grain, sempre un marchio della Probios.
probios-biskamut-cacao

Ed ecco che, guarda caso, la Probios emana il seguente comunicato:
probios

Solo che nel servizio si vede Staffelli aggirarsi per i supermercati dove reperisce facilmente i prodotti che sarebbero dovuti essere stati ritirati.

Che dire? Vergogna!

Rachele Masi

1 COMMENT

  1. Gentile Rachele,
    Desideriamo commentare direttamente il tema del ritiro dei prodotti per allergici e intolleranti che si è verificato nel mese di Gennaio.

    Il 20 dicembre 2013 abbiamo ricevuto una segnalazione telefonica da parte dell’avvocato della famiglia di Treviso che ci informava che il figlio del loro assistito, agli inizi di Novembre 2013, era stato colto da shock anafilattico in seguito al consumo di un nostro biscotto. Lo stesso giorno, abbiamo inviato immediatamente ad analizzare il lotto di Bisfarro presente in magazzino, la cui analisi è però risultata conforme.
    Soltanto in data 7 gennaio 2014, l’avvocato della famiglia ci ha finalmente trasmesso le sue analisi fatte in precedenza (ma non il referto medico, ancora oggi non pervenuto): abbiamo quindi contattato il produttore (Quality Bio di Udine) per chiedere spiegazioni e nonostante le analisi in suo possesso certificassero l’assenza di latte, abbiamo prudenzialmente effettuato comunicazione ai nostri distributori di non conformità del lotto oggetto del reclamo e ne abbiamo chiesto il ritiro. Il richiamo è stato esteso, in via prudenziale, anche ad alcuni altri lotti.
    A seguito di ulteriori analisi abbiamo deciso di provvedere al ritiro completo di tutti i lotti di entrambi i prodotti Bisfarro e Biskamut, e di fare un secondo richiamo dei prodotti, anche a mezzo stampa e web per diffondere quanto più possibile la notizia presso i consumatori allergici ed intolleranti.

    La fiducia nei confronti del produttore è ovviamente venuta meno, tanto che abbiamo immediatamente sospeso ogni rapporto lavorativo con il fornitore Quality Bio di Udine, riservandoci di intraprendere nei suoi confronti le azioni legali necessarie.
    Il nostro obiettivo, al di là delle responsabilità del nostro partner produttore, è ora di fare in modo che incidenti del genere non abbiano a ripetersi. Rafforzeremo dunque ancora di più le nostre già rigorose procedure di controllo e renderemo più stringenti i requisiti di selezione dei nostri produttori partner.

    Cordialmente,
    Elisa Favilli
    Responsabile Marketing e Comunicazione
    Probios srl

Rispondi