Sedie d’autore

Ultima modifica 7 Gennaio 2020

La sedia è uno di quegli oggetti che in una casa proprio non può mancare. Perchè non è solo un oggetto  utilizzato per sedersi ma anche un elemento di arredo che, a mio avviso, deve essere anche bello!
Eccovi le mie preferite, sedie importanti, di design, certo dal costo un po’ alto ma che diventano, quando è possibile, un vero e proprio investimento.

La mia preferita è la Chaise Longue del grande architetto Le Corbusier, realizzata nel 1929, la poltrona LC4, che in realtà è più di una sedia!
Lo stesso Le Corbusier l’ha definita “la macchina per il riposo”: concepita per il relax diurno, si adatta alla posizione che il corpo vuole assumere grazie al suo sistema basculante

E’ prodotta da Cassina, la struttura è in tubo d’acciaio cromato e la base è in lamiera con tubo in acciaio laccato nero.

Materassino e poggiatesta sono rivestiti in pelle nera (o in altri colori) oppure nel classico cavallino a chiazze marroni o nere.

La Sedia Barcellona di Mies van der Rohe
Creata per il padiglione tedesco per l’Esposizione Universale di Barcellona del 1929, è diventata la poltrona “per eccellenza”. E’ realizzata in acciaio e imbottitura ed è prodotta da Knoll.

La Tulip Chair di Eero Saarinenen, caratterizzata dalla celebre forma a calice, esiste sia la versione fissa che quella girevole. Si può collocare isolata come poltroncina o disposta in serie attorno al tavolo da pranzo della stessa collezione.
La base a piedistallo circolare è in alluminio laccato in materiale plastico, e la scocca in fibra di vetro rinforzata. Di Knoll

 

 

 

Sedia N 14 di Michael Thonet, prodotta dal 1855, è composta di sei pezzi assemblati, di cui lo schienale e le gambe posteriori in un unico pezzo.

Il sedile, impagliato con paglia di Vienna, imitatissimo in tante altre sedie.

Rispondi