Sei domande per aprire la porta al piacere

0
260

Non ci stancheremo mai di dire che una buona intesa sessuale nasce dalla comunicazione.

Una comunicazione che non è per forza fatta di parole, di toni forbiti e dialoghi inappuntabili: chi di voi non ha mai usato uno sguardo, una carezza, un capo di lingerie, per parlare di sesso senza voce? Lo stesso atto di fare l’amore è in buona parte comunicazione: corpi che parlano una loro lingua fatta di cinque sensi e di scambio reciproco.

piacere

Ma, prima di lasciare spazio ai corpi (o dopo, o durante, ognuna saprà trovare il suo modo!) è a volte utile usare le parole per non lasciare niente per scontato. Il mio consiglio è usare il più possibile domande aperte: quelle la cui risposta non può essere solo sì o no, quelle che iniziano con “Che cosa, come, quale, dove…”. E lo ribadisco, non devono essere per forza parole educate in tono serio, perché la sessualità è amore, divertimento, disordine, passione. Ricordate anche che non ci può essere una buona comunicazione che non sia reciproca, in amore. Quindi, per ogni domanda che fate, preparatevi a rispondere anche voi e magari finirete per conoscervi meglio.

Abbiamo raccolto per voi alcuni spunti di comunicazione con la persona che avete al vostro fianco, che potrebbero farvi scoprire qualcosa di nuovo e aprire le porte a nuovi piaceri.

  • Che cosa ti piace?

Può darsi che il nostro partner abbia dei desideri di cui non ci ha ancora parlato, che diamo per scontato che preferisca un’attività, una posizione, una coccola a un’altra, mentre magari è l’opposto. Oppure, sappiamo benissimo che cosa gli piace, ma può essere un interessante spunto di conversazione e di piacere reciproco.

  • Come ti piace? (O dove, o quando…)

Ok, ora sappiamo che gli piace qualcosa. Magari possiamo approfondire. Può diventare una chiacchiera sulle rispettive zone erogene, sui posti o gli orari in cui vi piace scambiarvi tenerezze e attenzioni hard. Sarà un ottimo spunto per le prossime volte in cui vi va di sperimentare qualcosa di nuovo.

  • Che cosa non ti piace?

E’ una domanda che si fa sempre poco. Molte persone non parlano di quello che non amano per timidezza o per timore di ferire il partner, forse anche voi non avete mai avuto il coraggio di dirgli che quando vi accarezza proprio in quel punto vi fa il solletico.

  • Che cosa vuoi dirmi del mio modo di fare l’amore?

Lasciamo la domanda ancora più aperta, sia a complimenti che a critiche costruttive. Forse sulle prime il nostro partner sarà perplesso dalla domanda inaspettata, si imbarazzerà o non capirà dove volete arrivare. Accompagnatelo per mano, facendogli capire che il suo parere è importante per voi.

  • Qual è stata la volta più eccitante in cui abbiamo fatto l’amore?

Con l’andar del tempo, tutte le coppie si stabilizzano in una routine, che ci dà sicurezza e comfort ma può diventare facilmente noiosa. Ripescando dalla cesta dei ricordi quelli che aprono le nostre porte della passione, possiamo unire la sicurezza alla novità di qualcosa cui non siamo abituati.

  • Di che cosa hai voglia oggi?

E poi… basta teoria, a un certo punto è ora di passare ai fatti!

Giovanna Modoni, consulente Rosso Limone Roma

Da un’idea di Katia e Laura, nel maggio 2012 nasce Rosso Limone, per sensibilizzare le persone al benessere sessuale in modo fresco e dinamico, con particolare attenzione alla vita di coppia e a un corretto approccio col proprio corpo.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here