Sing 2: Sempre più forte. Il sequel supera il primo film [Recensione]

Ultima modifica 15 Novembre 2022

In una domenica uggiosa abbiamo deciso di acquistare su Prime Video, Sing 2 che era uscito lo scorso dicembre.

Meglio tardi che mai, dai!

Il primo capitolo di questa pellicola, ci aveva divertito ed emozionato, mostrandoci che dobbiamo guardarci dentro e trovare quel magico che c’è in noi.

No va bene, ve lo dico, volevo sentir cantare ancora una volta Taron Egerton, che da la voce a Jhonny, lo scimpanzé.

Se il primo capitolo vi è piaciuto questo lo amerete alla follia: divertente, spassoso con ancora più musica, colori brillanti e coreografie pazzesche.

Devo avvisarvi: difficile stare seduti e fermi sul divano…

Ed impossibile non cantare le canzoni insieme ai protagonisti!

Vediamo allora cosa troverete in questo sequel, diretto dallo scrittore e regista Garth Jennings.

La trama di Sing 2: sempre più forte!

sing2

Nel primo, li avevamo lasciati che grazie al loro spettacolo erano riusciti a salvare il teatro della città.

Bene, in questo teatro Buster Moon e i suoi artisti metto in scena ogni sera una loro fantastica rivisitazione di Alice nel paese delle Meraviglie, che è sempre sold out.

Così, Buster Moon vuole realizzare il suo sogno: quello di diventare il koala di maggior successo nello showbusiness.

Decide così di andare insieme al suo gruppo di amici, Rosita, la maialina, Gunter, il maiale nordico, l’istrice rock Ash, l’elefantessa Meena ed il gorilla Jhonny a Redshore City.

Per fare un audizione per il famosissimo produttore Jimmy Crystal che sta cercando un nuovo spettacolo.

Ovviamente, entrare senza essere in lista non sarà così facile, ma una volta riusciti dovranno convincere il temutissimo produttore.

Il provino non va come Buster Moon aveva sperato ma a risollevare le sorti del gruppo ci pensa Gunter, con la sua visione futuristica di uno show spaziale.

Buster, che cavalca già l’idea della gloria, promette così al Signor Crystal la partecipazione di Clay Calloway e delle sue canzoni nello show.

Il problema?

Calloway ha lasciato le scene musicali e vive come un eremita, in un luogo che nessuno conosce da ormai 15 anni.

Sing 2 ci spinge ancora una volta a seguire i nostri sogni, anche se questi sembrano impossibili!

Rispetto al primo film, questo è molto più spettacolare con molte più coreografie.

I loro musical sono talmente belli che se decidessero di farli realmente, avrei già comprato il biglietto.

Insomma, il livello si è nettamente alzato, se pensiamo che sono passati dal teatrino di provincia a una Las Vegas inventata.

I personaggi sono cresciuti e sono consapevoli delle proprie capacità anche se dovranno sempre affrontare ostacoli che li metteranno alla prova come attori.

Ad esempio, Jhonny dovrà cimentarsi con il ballo e una sequenza di passi veramente difficili, oppure Meena dovrà recitare una scena d’amore, non essendo mai stata innamorata!

La stessa Rosita, ormai star indiscussa, la vedremo cedere il suo posto da protagonista per la sua paura dell’altezza.

Insomma, i protagonisti devono adattarsi ad un nuovo mondo, riuscendo a superare le loro paure per far vedere il loro talento.

Devo dire che ogni personaggio affronta le sue paure e prende quindi il proprio spazio nella narrazione.

Nel suo insieme questo film ci ha divertito senza perdere mai un minuto la nostra concentrazione, anzi vi dico che quasi quasi l’avrei fatto ripartire da capo.

Mi è piaciuto molto anche il fatto che insegni ai più piccoli, di non fermarsi alla prima critica di qualcuno che non vi conosce, ma di fargli vedere di cosa siete fatti.

Insomma, non mollare mai se è quello che volete veramente fare.

Il finale del film è veramente emozionante e Bono è fantastico nel ruolo del solitorio Clay, se posso fare un appunto il doppiatore italiano (voce) stonava un pò, con la voce di Bono nella canzone.

Ma Bono è Bono…

Concludendo con la musica scelta nel film, questa è come un Juboxe che propone braniche conosciamo e che ti fanno entrare il ritmo nella pelle, portandoti a muoverti al loro ritmo.

Insomma, da Billie Eilish a Shawn Mendes, i The Weeknd senza tralasciare dei grandissimi della musica come Elton John ( Goodbye Yellow Brick Road), Aretha Franklin (I say a little player), Prince (Let’s go crazy) e ovviamente gli U2 ( I still haven’t found what i’m looking for)

Insomma, Sing 2 è un film brillante e divertente che non ha paura di farvi vedere che osando si può arrivare a realizzare i propri sogni.

#SPAVENTOMETRO 0

Assolutamente nessuna scena che possa turbare i vostri piccoli!

Dati tecnici:
Sing 2: Sempre più forte
di Garth Jennings
2021, Illumination
durata 1 h e 50 min
animazione per famiglie, musical

Rispondi