Supermagic vi invita alla sua scuola di magia

Ultima modifica 30 Ottobre 2017

La magia diventa spettacolo puro nella Meraviglia, la XV fiera internazionale di Supermagic, in scena fino all’8 febbraio al Teatro Olimpico di Roma. Oltre allo spettacolo e alla mostra Prestigi, l’esposizione gratuita di rari oggetti magici visitabile presso il teatro, venerdi 30 gennaio era prevista una lezione di magia gratutita della Scuola di magia. 

scuola di magia

A lezione di magia!

Ho portato Flavia, la mia piccola maghetta di 7 anni, ad assistere alla scuola di magia perchè fin da piccola chiedeva di imparare i trucchi dei prestigiatori e il suo cappello da mago lo custodisce con rara cura. Insieme ad altri genitori e bambini, ma anche con adulti e studenti liceali ed universitari siamo entrati nel teatro, dove giochi di luce accendevano l’atmosfera di magia.

E intanto mentre distrubuivano due tovaglioli a testa,  sul palco è apparso un insegnante, un appassionato prestigiatore che nella vita fa l’avvocato per insegnarci come far apparire e sparire una pallina di carta.

Il trucco, apparentemente facile, non lo è per niente… prevede infatti un coordinamento del corpo molto studiato e frutto di innumerevoli prove davanti allo specchio.

In poche parole il vero successo di un mago è nel controllo e nel coordinamento delle mosse e della comunicazione non verbale.

Esercizio, esercizio ed esercizio. Perchè in fondo i trucchi sono su youtube, la costanza e la determinazione no!

La scuola di magia per grandi e piccini

E proprio ad insegnare i trucchi del mestiere serve la scuola di magia di Supermagic dedicata ai bambini e agli adulti, che parte a fine febbraio. E per chi volesse ricevere maggiori informazioni o iscriversi potete mandare una mail a scuola@supermagic.it

RaiPremium sul palco

E poi come per magia sul palco è apparso Ettore Bassi per accompagnare un aspirante mago, nella vita dentista, che per il programma “Acchiappo il sogno” (RaiPremium – giovedi 19 febbraio ore 23:45) e così abbiamo assistito a vere magie con le carte.

Arianna Orazi

Rispondi