Temporary Museum For New Design 2014, FuoriSalone

0
413

Ultima modifica 22 Aprile 2015

 

L’originale format, proposto da Superstudio Group, si rinnova e apre a nuovi progetti, nuove tendenze e sempre più ricerca.

Il progetto – Di fronte alla frammentazione della produzione e autoproduzione, all’imporsi della bio-architettura, alla moltiplicazione dei paesi produttori, alla sempre più giovane età dei progettisti, di provenienza sempre più varia, al nuovo inarrestabile mercato creato dall’e-commerce, forte è l’istanza di rinnovamento, che si muova senza snobismi aprioristici sulla via della ricerca del buon design in tutto il mondo e in ogni ambito. Nasce su queste nuove basi la sesta edizione del Temporary Museum for New Design di Superstudio, esteso alle due location.

Zona-Tortona-Highlights-The-real-spot-at-Fuorisalone-2014-Superstudio-Temporary-Museum-for-new-design

Superstudio Più di via Tortona 27 presenta:

L’area Museum, sorprendente e emozionale, seguendo il tema “The world is here – The future is now”, dove danno il meglio di sé i materiali, sempre più importanti nella ridefinizione del concetto stesso di design. Così incantano, tra l’altro, i progetti multisensoriali che ipotizzano il futuro, la spettacolare installazione artistica di Nendo per Alcantara, l’open-plan dell’avveniristica casa di Karim Rashid per LG Hausys, la stanza delle meditazioni di Cotto, l’accoglienza morbida delle piastrelle a tre dimensioni di Tagina, l’auto Ermini rivisitata da Giulio Cappellini appena presentata al Salone di Ginevra, il “Print-à- Porter” delle stampanti Brother in collaborazione con POLI.design. Ma anche il ritorno del “french touch” interpretato dai designer di France Design/ VIA , un viaggio nella Thailandia dell’ultimo design, che nasce dalla poetica delle tradizioni con Thailand’s Slow Hand Design, la scoperta del potenziale della Croazia con Prostoria, le giovani sperimentazioni di Product Design Madrid, la concretezza poetica svedese interpretata da Wallvision Sweden, la nuova architettura cinese vista attraverso i modellini e le immagini delle ultime costruzioni realizzate da Barrie Ho per Iris Ceramica. Modernità e rispetto per l’ambiente, per gli arredi in legno di Vitamin design, mentre Rex Kralj celebra e reinventa i pezzi del mitico designer Niko Kralj e Nikari Oy presenta pezzi di Jasper Morrison, Wataru Kumano, Alfredo Häberli.

Le Art-Inter Actions, crossing tra arte e design, alla ricerca di nuovi valori espressivi. Installazione interattiva ispirata ai movimenti del sole e alla velocità della luce nello spazio di Roberto Fazio e l’installazione di (archiattack), che fa interagire la luce con il suono ricreando virtualmente l’atmosfera di un grande palco, entrambe in collaborazione con il portale tecnologico Hiwhim; la mostra “Designers’ Dream” con sculture di grandi nomi del design liberi di sognare: Alessandro Mendini, Denis Santachiara, Karim Rashid, Marco Acerbis, Javier Mariscal, Fabio Rotella, Daniele Basso, Eun-Sun Park, Giuseppe Spagnulo, Jean Claude Farhi, Stefano Soddu per Slide Art; il grande Toy che ricorda un’architettura di Flavio Lucchini, la scultura totemica in acciaio di Samuel Schuhmacher e Hochschule Luzern per Architonic; la sitting-art di Porcelanosa, i videomapping, le performance.

Seleceted Objects – 1.000 mq dedicati alla ricerca, con proposte di design contemporaneo selezionate tra mille da Giulio Cappellini. Proposte di aziende internazionali come i francesi Beau & Bien, gli americani Fat Boy, gli inglesi Anythingby, gli svedesi byHenzel, gli italiani Parson, i radiatori da museo di T-sculpt, i giapponesi Kurokawa Design Products, T.Magpie, Mindbike / 180 degree, Vitro. Qualità, innovazione, visione, sperimentazione, ironia, con le nuove idee di aziende sperimentate e start-up. Il tutto (o quasi) in vendita diretta sul sito www.dalani.it nella speciale sezione Superstudio Selection.

Superortopiù – Straordinario progetto che unisce ecologia, architettura, nutrimento, design, arte, SuperOrtoPiù, è un grande orto urbano di 750 mq, progettato da Michelangelo Pistoletto-Cittadellarte, sul Roof di Superstudio Più. L’installazione rimarrà funzionante in maniera permanente durante tutto il periodo dell’Expo 2015. Il Terzo Paradiso, il segno creato dall’artista per promuovere l’incontro tra natura e attività umane, è diventato un simbolo di rigenerazione dei luoghi e dei territori che lo ospitano. L’evento, curato da Fortunato D’Amico, in collaborazione con N.O.V.A. Civitas e AIAPP sez. Piemonte e Valle d’Aosta, ospita le installazioni di artisti, le mostre dedicate al paesaggio e le proposte delle aziende che operano per la costruzione delle città inserite nell’ecosistema. In quest’area si alterneranno dibattiti, corsi di orto cultura, concerti musicali, serate dedicate al food, incontri con paesaggisti, architetti, designer, agronomi, e le altre eccellenze che con metodo multidisciplinare sono impegnate nella costruzione del nuovo mondo.

E-bay, presenta il nuovo portale di design, non aste ma scelte professionali e consapevoli, con una imponente installazione e un video-itinerario all’interno del mondo dell’e-commerce. Un percorso virtuale con scenari digitali interattivi trasporta il visitatore in un vero e proprio viaggio nel mondo Ebay.

3D Printer Exhibition – La premiazione finale al Temporary Museum chiude la terza edizione di Carbon Fiber design Contest – concorso internazionale di design che prevede l’utilizzo di tecnologie innovative, come la stampa 3D e materiali innovativi quali le fibre di carbonio.

Temporary Architecture – Nelle aree esterne, Ivanka presenta Rainhouse, casa prototipo che grazie a un sistema innovativo di superfici e cisterne filtra e immagazzina l’acqua piovana trasformandola in acqua potabile di ottima qualità. MarchinGenio invece presenta un modulo architettonico dall’aspetto biomorfico concepito per diverse destinazioni d’uso, pubbliche e private.

Al Superstudio 13 di via Forcella13/via Bugatti 9 nasce:

Green Village, proposta per uno stile di vita ecocompatibile e sostenibile, a cura di Io Abito Bio, in collaborazione con Vastu Studio Architecture & Design, con la presenza di aziende da tempo impegnate nella ricerca dei materiali e soluzioni che rispettino l’ambiente. Sette le aree tematiche: Home, Food, Kids, Well-being, Mobilità sostenibile, Energie Alternative, Turismo consapevole.

Espositori Temporary Museum For New Design 2014: Alcantara, anythingby, Avantgarde, Beau&Bien, Brother, By Henzel, Centimeter Studio, Cotto, Crjos Design Milano, Denise M. Hachinger Design, Digital Habits, eBay, Federica Ceriali, FGF Industry, FID , formAxiom, France Design, Francesco Raimondi Art Design, Googy, Green Village, hOle Designstudio, Ivanka, Kurokawa Design Products, Lacrime d’arte, LG Hausys, Marchingenio, Melogranoblu, Metrocuadro Design, Michaël Bihain, Mindbike / 180 Degree, Nikari Oy, Parson, Porcelanosa, Product Design Madrid, prostoria, Rex Kralj, SuperORTOpiù, Tagina Ceramiche D’arte, Thailand’s Slow Hand Design, T.Magpie, t-sculpt, Vezzini & Chen Design, Vitamin Design, Vitro, Wa Wallvision Sweden.

Superstudio Più – Via Tortona 27, Milano
Superstudio 13 – Via Forcella 13 e Via Bugatti 9, Milano

8-12 Aprile 2014 – h. 10-21 solo professionisti
13 Aprile 2014 – h. 10-18, ingresso anche ai non professionisti

Rispondi