Toy boy & C

Ultima modifica 6 Novembre 2015

 

Sempre più spesso affermate donne dello spettacolo in senso ampio, ma anche ex dive in cerca di facile pubblicità per tornare in auge, riempiono le pagine della sezione (amplissima peraltro) gossip dei rotocalchi con le loro travagliate e generalmente improbabili storie d’amore con uomini molto più giovani.
Come talvolta accade nella nostra società, a corollario di un’esagerata libera interpretazione del tema “parità tra sessi” donne potenti si circondano di uomini giocattolo a puro fine ornamentale, imitando una delle più deprecabili usanze maschili. Non che i ragazzi in questione siano esenti da critiche, anche loro sfruttano il tacito accordo per farsi spazio nell’olimpo scegliendo una via comoda…
Poi ci sarà anche chi si ama davvero, non siamo pessimisti, ma, se nello show business è un po’ tutto permesso e appare normale anche ciò che in realtà normalmente sarebbe un’eccezione, la vita di noi “comuni mortali” permetterebbe oggi unioni di questo tipo?
A voi donne la risposta, io, da uomo troppo vecchio e poco avvenente per intraprendere la “carriera” del toy boy, dico la mia: no e meno male…
Amo le donne, mi piace enormemente confrontarmi con il loro punto di vista e con il loro approccio differente alla vita, credo fortemente nell’arricchimento reciproco, stare con una donna molto più matura però, penso che spezzerebbe l’armonia di questo idillio, perché dalla mia parte ci sarebbe un’incolmabile percezione di inadeguatezza e dall’altra la sensazione naturalmente indotta di essere madre prima che compagna di vita, con effetti deleteri.
Non è una questione di tradizione maschilista, ma di un comprovato fisiologico maggior sviluppo emotivo ed intellettuale a favore delle donne fin dall’infanzia che impedisce o quantomeno ostacola questo tipo di unioni.
Detto in parole molto più povere, credo che una donna di vent’anni meno giovane del suo compagno perda interesse alla svelta per chi avrebbe da offrire solo la freschezza dei suoi anni, mentre nel più canonico caso opposto, il divario viene percepito molto meno, anche perché, ahimè, il mondo è colmo di uomini immaturi…
Lo so, da uomo sono pragmatico e poco incline a facili romanticismi, forse sarebbe più bello pensare che l’amore non ha età, ma proprio perché credo che sia un sentimento troppo importante per essere sottovalutato, ritengo che sia necessario che si rinnovi quotidianamente alimentato dalla linfa della condivisione e dell’affinità, piuttosto che dall’effimero piacere estetico che al più solitamente è alla base dell’infatuazione.
Mi si obietterà che non sto prendendo in considerazione il caso in cui una coppia siffatta funzioni: beh, non voglio certo dire che sia impossibile, ma mi si passi di affermare che sia almeno poco probabile!

G.P Antonicelli

1 COMMENT

  1. caro Giampi, Ti do’ perfettamente ragione.Dal mio punto di vista del maschio 50 enne non capisco come si possa andare con una 25enne.Figurati il contrario.

Rispondi