Una bimba mendica, ma…

Ultima modifica 22 Aprile 2015

… è uno scherzo della madre.

È accaduto a Santa Margherita Ligure questo fatto sconvolgente ed incomprensibile per la mia mente forse limitata. Una donna nota una bambina di 3 anni da sola  che chiede l’elemosina con un bicchierino di carta ed un biglietto con scritto “ Mi hanno abbandonata, fate  un’offerta”  nella piazza principale del paese.
Avvicinata la bimba, le chiede dove fosse la madre e la bimba indica il bar di fronte. La “madre” in questione, una signora milanese di 40 anni,  era seduta ad osservare la scena. La signora che ha notato la bambina ha chiamato i vigili urbani che sollecitamente  hanno provveduto a fermare la “madre” chiedendo spiegazioni visto che testimoni avevano dichiarato che era stata lei stessa a scrivere il bigliettino che la bimba porgeva alle persone per farsi allungare qualche soldino. La spiegazione della suddetta “madre” è stata che era uno scherzo.

Ora, benchè la signora sia stata denunciata per “sfruttamento di minore in accattonaggio” mi chiedo se, ed eventualmente perchè, la bambina sia stata restituita alla “madre”.
Dove sono quei giudici che tolgono i minori alle famiglie disagiate, dove la violenza fisica è all’ordine del giorno? dove sono quei paladini della giustizia che intervengono in ogni situazione di sofferenza di un bambino??? Questa non è violenza? Violenza psicologica? Questo non è un buon  motivo per allontanare un minore da una “madre” irresponsabile che sicuramente nuocerà alla figlia in mille altri modi negli anni a venire?
Sarà che pensare che una madre possa anche solo ventilare ad un figlio la possibilità di venire  da lei abbandonato mi sembra una bestialità enorme, sarà che non ci trovo niente di divertente in tutto questo visto che conosco  quanto può essere traumatico per un bambino anche solo vagamente pensarlo, sarà che continuo a pensare che la maternità non è un fatto di consanguineità,  io mi auguro che la legge italiana faccia qualcosa di concreto per  proteggere adeguatamente questa piccolina che in mano ad una incosciente.

Poi, signora “madre”, e come vede continuo a mettere la parola madre fra le virgolette perchè non mi sembra una parola  adeguata ad una persona che si comporta in tale modo, mi potrebbe spiegare a chi era rivolto lo scherzo? Alle persone che erano presenti, che immagino si siano divertite un mondo e si stiano ancora spanciando dalle risate, o alla sua figliolette treenne che di tutto questo spero abbia capito poco o niente?

Elisabetta Dal Piaz

Rispondi