L’uva rossa previene la carie

Ultima modifica 6 Novembre 2015

 

L’estratto dai semi di uva rossa, così come il vino rosso alcolico e non-alcolico, sono risultati efficaci nel prevenire le malattie dentali (carie ecc.) e parodontali (come le malattie gengivali).
Lo hanno scoperto i ricercatori spagnoli dell’Instituto de Investigación en Ciencias de la Alimentación (CIAL), che hanno testato gli effetti sui batteri presenti nel cavo orale da parte di vino rosso, vino rosso senza alcol, vino rosso arricchito con estratto di semi d’uva, e acqua con il 12% di etanolo.

uvarossa

La Dott.ssa M. Victoria Moreno-Arribas e i colleghi Muñoz-González I., Thurnheer T. e Bartolomé B. ricordano che le malattie dentali sono estremamente comuni in tutto il mondo. Tra queste, la più diffusa è la carie, tuttavia la malattia parodontale e la perdita dei denti sono altrettanto influenti. Tutte insieme, interessano dal 60 al 90% della popolazione mondiale.

La lotta contro queste malattie avviene tutta in bocca, dove si formano intere colonie di batteriche che si aggregano e formano il cosiddetto biofilm poi più difficile da debellare. La placca che si forma sui denti e l’acido prodotto dai batteri è anche quello che corrode lo smalto e provoca la carie.

La prevenzione più semplice si attua con l’uso quotidiano di spazzolino e dentifricio.

Partendo dai risultati di precedenti ricerche che dimostravano come i polifenoli contenuti nell’uva e i relativi estratti potessero rallentare la crescita batterica, gli scienziati spagnoli hanno deciso di testarli per la prima volta in condizioni realistiche.
Hanno così allevato colture di batteri responsabili delle malattie dentali. Hanno atteso che creassero un biofilm e poi sono stati immersi per un paio di minuti in diversi tipi di liquidi: vino rosso, vino rosso senza alcol, vino rosso arricchito con estratto di semi d’uva e acqua con il 12% di etanolo, per confrontarne i relativi effetti.

uvarossa2

I risultati dello studio, pubblicati sull’”ACS Journal of Agricultural and Food Chemistry”, mostrano che il vino rosso, con o senza alcol, e il vino con l’estratto di semi l’uva sono stati i più efficaci nell’eliminare i batteri.

A conclusione dello studio, si evidenzia l’effetto antibatterico dell’uva rossa e dei suoi componenti per uso esterno e un loro possibile utilizzo per la produzione di rimedi per l’igiene orale che siano efficaci nel combattere i batteri, prevenire le malattie dentali e gengivali, con ridotti o nulli effetti collaterali.

Mangiamo più uva rossa!

Paola Lovera

Rispondi