La mamma nel settore Food

0
386

Ultima modifica 9 Maggio 2016

Si è conclusa ieri, giorno della Festa della mamma, una settimana di appuntamenti ed eventi, realizzati appositamente da “Valore mamma”, la rivista universitaria dell’Istituto di Studi Superiori sulla Donna dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, per festeggiare e rendere omaggio a tutte le mamme.

La settimana della mamma

La “Settimana della Mamma” è un’iniziativa giunta alla sua seconda edizione, nata per dare un supporto concreto alle mamme attraverso una serie di appuntamenti e servizi pensati esclusivamente per lei e per creare una community e un network fra mamme, associazioni, imprese e istituzioni, con il fine di migliorare la qualità della vita delle donne.
Noi abbiamo partecipato ad uno dei convegni organizzati, “Le nuove opportunità di businness per la mamma nel settore Food” e ne siamo uscite arricchite. Sì, è questo il termine adatto, perché oltre ad essere interessanti i partecipanti, lo sono stati anche i loro interventi e ognuno, a modo suo, ha contribuito a lasciarci qualcosa.

mamma nel food

“Food” e mamme

Il tema trattato era di grande attualità, quello del food è infatti uno dei settori ancora in crescita, nonostante la crisi e l’evento è stata l’occasione per capire come è cambiata la cultura e il nostro approccio al cibo in termini di consapevolezza e abitudini, e quali sono le nuove opportunità che il settore offre alle mamme che vogliono reinventarsi nel mondo del lavoro, tra innovazione e tradizione.
A dare il loro contributo, esponenti del mondo accademico, aziendale e associativo, da Stefania Ruggeri (Nutrizionista CREA) a Chiara Manzi (Art Joins Nutrition Academy), da Alessandro Peracchi (Pediatra-Neonatologo) ad Andrea Boaretto (Founder & Ceo di Personalive).
Tra i temi caldi, quelli delle nuove tendenze alimentari, veganesimo, vegetarianesimo, gluten free…spesso seguite più per moda che per necessità, così come le diete, che fanno bene solo se ben pianificate.
Mangiare è prendersi cura del proprio benessere e allora occorre informare e rendere coscienti le donne, aiutarle ad orientarsi in queste scelte.
Una mattinata ricca di spunti e testimonianze, da parte di chi, nel settore food, ha scoperto nuove opportunità di businnes: Loriana Abruzzetti dell’Associazione Pandolea, Silvia Famà, fondatrice Cucine d’Italia, Daniela Gazzini e Cristina Cattaneo, fondatrici Vivi Bistrot, Maria Elena Curzio, Presidente Associazione Nazionale Cuoca a domicilio, Gian Luca Ranno, Ceo & Co-Founder Gnammo…
Da ogni intervento è emersa la passione, per la cucina, cibo e dintorni, ma soprattutto la determinazione nell’essere riuscite a trasformarla in un mestiere.
Le donne possono essere madri e imprenditrici allo stesso tempo, riescono a creare una rete e a realizzare progetti ai quali si sono duramente dedicate.
Di grande incoraggiamento, l’intervento di Pia Donata Berlucchi, Presidente dell’omonima azienda, che, tra citazioni filosofiche e racconti personali, ha stimolato la platea femminile ad accrescere le proprie competenze e a cercare sempre nuove opportunità.
Del resto, “La forza non è essere padroni della propria idea, ma della determinazione per realizzarla!”

Maria Teresa Esposito

Rispondi