Asterix e il Regno degli Dei. Un nuovo avvincente capitolo nel conflitto tra Galli e Romani.

0
192

Sono tornati i più simpatici tra i Galli!
Prima di questo nuovo capitolo della saga abbiamo una serie lunghissima di film d’animazione e live action. Ma non c’è niente da fare!
Del coraggioso Asterix e del suo fedele amico Obelix, non ci si stanca mai!

asterix

Quindi siamo pronti a lanciarci in una nuova e divertente avventura!

Il film è uscito nel 2014.
Noi non lo avevamo visto prima.
E abbiamo subito approfittato della promozione “Estate aliena, magica offerta”.
Nata dalla collaborazione tra Koch Media e Rakuten TV, di cui vi avevamo parlato. 
Chi riuscirà ad avere la meglio questa volta?
Come si risolverà la rivalità tra Galli e Romani?
Di sicuro il divertimento è garantito!
Siamo nel 50 a.C. e Giulio Cesare torna nuovamente all’attacco.
È ancora alle prese con l’ultimo villaggio dei Galli, che ancora resiste all’avanzata romana. Il villaggio dell’Armonica. Inutile ricordare che tra i suoi agguerriti abitanti ci sono proprio Asterix e Obelix. Che non hanno nessuna intenzione di lasciarsi assoggettare.

Ma questa volta la tattica di Cesare è più sottile.

Non si tratta di armi e battaglie, ma di ben altro!
Siamo alle prese con il più moderno concetto di espansione edilizia! Viene ordinato il disboscamento della foresta che sorge vicino al villaggio dei Galli.
E al giovane architetto Angolacutus viene affidata la progettazione di un complesso residenziale per nobili romani. In altre parole un quartiere a cinque stelle, chiamato per l’appunto “il regno degli dei”.
Il complesso dovrebbe sorgere “porta a porta” con il vicino villaggio gallico.
L’obiettivo infatti è quello di conquistare i galli con i lussi e gli agi dei romani.
E assoggettarli pian piano ai loro usi e costumi.

asterix

Ovvio che Asterix e Obelix faranno di tutto per evitarlo. Dando vita ad una serie di scene esilaranti.
Come al solito le caratteristiche tipiche della Roma imperiale sono rese buffe e viziose. Vengono prese in giro in modo divertente. Così come quelle dei Galli.

Al centro c’è lo scontro tra due culture molto diverse.

Quasi incompatibili. I Galli sono incivili, non all’altezza della grandezza di Roma. E i romani appaiono ambiziosi e presuntuosi. Vizi e capricci di ciascun popolo sono presentati e analizzati con precisone in chiave comica ovviamente!
Il filo narrativo è veloce, colpi di scena e personaggi divertenti.
Ma sullo sfondo appare anche la sottile riflessione sulla globalizzazione e la salvaguardia dell’ambiente. Il messaggio arriva diretto a tutti tra una risata e l’altra.
Due culture si trovano a confronto, amici-nemici, diversi, ma accomunati dalla curiosità di conoscersi.
Il legame con le proprie radici e tradizioni, seppur messo alla prova, alla fine resiste.
E tra una risata e l’altra arriviamo al gran finale dove, come dice Gaia “ tutti festeggiano felici!”.

Spaventometro: 0

Consigliato per ridere tutti insieme…con una punta di sentimentalismo che non guasta!

40 anni, sono nata e vivo a Roma nello storico e suggestivo quartiere della Garbatella. Insegnante, psicologa/psicoterapeuta, mamma di tre piccole pesti: Gabriele 6 anni, “l’ingegnere/scienziato della famiglia”, Gaia 4 anni, la “nostra lettrice e ballerina” e Zoe 2 anni, “il sindaco”, con una capacità più unica che rara di decidere cosa fare e gestire i fratelli.

Rispondi