Dieta dopo Pasqua per ritornare subito in forma.

0
423

Probabilmente ci siamo lasciati andare più del dovuto ed il risultato è evidente: quel paio di chili in più che la bilancia ci segna senza via di scampo.
Porre rimedio non è impresa impossibile, ma se cerchiamo di seguire un’alimentazione più sana e meno calorica, è possibile ritrovare la forma fisica in poco tempo.

La soluzione più veloce, però, è quella di seguire una dieta proteica per 10 – 15 giorni al massimo.

Dieta dopo Pasqua
Una dieta di questo tipo, infatti, porta benefici immediati ma non se ne può abusare, perché, a lungo andare, causa un affaticamento eccessivo ai reni.

Per 10 giorni ridurre, quindi, al minimo i carboidrati e gli zuccheri, 3 fette biscottate a colazione, 1 panino a pranzo ( 80 gr. circa ) ed un panino piccolo a cena ( 50 gr. circa ). Carne e verdura, preferibilmente cruda a volontà. Frutta a merenda e dopo i pasti.
DIVIETO ASSOLUTO DI DOLCI.

Sembra un regime alimentare drastico, ma con una dieta proteica in cui l’apporto di zuccheri e carboidrati è minimo, non si patisce la fame. Al contrario di tutte le altre diete che per consentire una certa varietà alimentare hanno delle porzioni minime.

Ecco lo schema per una dieta post Pasqua perfetta.

Colazione – latte scremato, caffè e 3 fette biscottate con un velo di marmellata;
Pranzo e cena – carne o pesce accompagnati da un contorno di verdura, una rosetta ed un frutto;
Spuntino – un frutto o uno yogurt magro o un the caldo.
Via libera alla carne bianca, al pesce azzurro, alla bresaola, al tonno in scatola.
Preferire la cottura alla griglia o al cartoccio.
Nessuna limitazione per verdure e ortaggi, specie se crudi e conditi con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva a crudo.

Per perdere peso non è necessario mangiare senza sale, basta solo usarlo con accortezza e moderazione.

Divieto assoluto per fritti, alcolici, bevande gassate e dolci.

Attenzione alla frutta. Evitare la frutta secca e le castagne, l’uva e le banane, in quanto sono molto caloriche.
Bere almeno due litri di acqua al giorno e se ci si riesce fare, almeno, 15 minuti di camminata a passo svelto ed i risultati non si faranno attendere.

Quando si ritorna in linea, non si ricomincia a mangiare in modo troppo grasso, altrimenti i sacrifici fatti saranno inutili ed in breve tempo si rischia di riacquistare i chili persi.

Per una buona dieta di mantenimento a pranzo un piatto di 70 gr. di pasta accompagnato da un contorno e da un frutto ed a cena si continua a seguire lo stesso regime alimentare. Ogni tanto, una pizza e qualche bicchiere di vino.

Se la sera si ha voglia di qualcosa di dolce, un quadratino di cioccolato fondente: fa bene all’umore, appaga il desiderio di dolce e non fa male alla linea.

La redazione del magazine. Nato nel maggio 2013, da marzo 2015, testata registrata al tribunale di Milano. Mamme di idee rigorosamente diverse commentano le notizie dell'Italia e del mondo, non solo mammesche.

Rispondi