fbpx

Giornata internazionale dell’ostetrica: quattro chiacchiere con l’ostetrica…

Ultima modifica 9 Maggio 2022

Il 5 maggio è stata la giornata internazionale dell’ostetrica. Ho intervistato Angela Paterno, ostetrica all’Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma, membro stabile del comitato dell’Ordine delle Ostetriche di Roma, Docente di ostetricia all‘Università della Lumsa.

Oltre a questo, è la persona che mi è stata accanto e ha fatto nascere i miei tre figli con professionalità, competenza e dolcezza unica.

Per noi rappresenta quel che dovrebbe essere un’ostetrica. Ovvero la persona che ti accompagna nel parto, rispettando i tempi, il corpo e l‘individualità della donna e del bambino che sta per nascere.

Ecco di seguito l’intervista fatta per la giornata internazionale dell’ostetrica.

Grazie Angela per aver accettato di rispondere alle domande più comuni di noi donne. Una delle cose che ci chiediamo e che ricordo di essermi chiesta anche io, con grande imbarazzo è se può capitare di dover andare di corpo durante il parto?

Certamente, è un evento del tutto normale: è dato dal fatto che il canale vaginale e il retto sono due strutture adiacenti, questo fa sì che quando la testa del bambino passa nel canale vaginale sostanzialmente schiaccia il retto provocando la fuoriuscita di eventuali feci li presenti. Non è quindi detto che succeda, ma nel caso in cui dovesse essere non c’è assolutamente nulla di cui vergognarsi, o preoccuparsi l’ostetrica che vi assisterà starà attenta a mettervi a vostro agio.

È vero che ti tagliano durante il parto?

Il taglio durante il parto è chiamato “episiotomia”. Le buone pratiche ci dicono che non si deve assolutamente praticare di routine ma bensì ci forniscono delle specifiche indicazioni su quando eseguirla. (si tratta di una piccola percentuale). In passato c’era l’antica credenza che praticare l’episiotomia portasse dei vantaggi alla donna, in termini di tempi di guarigione, rispetto alle lacerazioni che avvengono spontaneamente. Sappiamo ora alla luce degli studi scientifici che non è così.

Si possono avere rapporti prima e dopo il parto?

Si possono avere rapporti prima del parto, a patto che la gravidanza sia fisiologica e normodecorsa, ovvero, non vi siano situazioni di rischio come ad esempio minaccia di parto pretermine, rottura prematura delle membrane, placenta previa è così via.. il consiglio è comunque di chiedere all’ostetrica che vi segue. Per quanto riguarda avere rapporti dopo il parto, si dice solitamente di aspettare circa 40 giorni, il tempo che la cervice si sia chiusa è tornata in posizione e che le eventuali lacerazioni si siano rimarginate. La cosa più importante è pianificare la contraccezione così da evitare l’insorgere di una nuova gravidanza nell’immediato post parto.

Come faccio ad essere sicura che dopo il parto avrò il latte?

Tutte le donne, tranne rare eccezioni patologiche di cui, se ne soffriste ne sareste sicuramente a conoscenza, possono produrre fisiologicamente latte. La cosa più importante da sapere è che il latte viene prodotto in base alla richiesta del bambino. Se si mantiene il seno stimolato con un allattamento esclusivo e a richiesta il latte ci sarà. Vi basti pensare che ci sono mamme che allattano i loro bambini fino a 2 anni di vita!!

Come faccio a capire che sono contrazioni e sta per nascere?

Le contrazioni che precedono la nascita del vostro bambino saranno diverse da quelle che danno inizio al travaglio. Saranno più frequenti, più lunghe, si concentreranno sul perineo, nella zona lombare e sovra pubica.

Dopo il parto se voglio controllarmi dove vado?

Dopo la dimissione dall’ospedale sarà possibile essere prese in carico da ostetriche che operano sul territorio. In alcune zone sono previste anche visite a domicilio, in altre invece è possibile incontrarle nei consultori (per sapere qual è il consultorio più vicino a casa vostra potete chiedere in farmacia), si possono avere consulenze sull’allattamento, sulla salute riproduttiva, sulla crescita e benessere del vostro bambino, sulla guarigione della vostra lacerazione/cicatrice del taglio cesareo.

Ringraziamo Angela Paterno, per la sua disponibilità in questa giornata internazionale dell’ostetrica.

Scegliete con cura il posto dove dar nascere in vostri cuccioli, perchè mai come in quel momento avrete bisogno di fidarvi e affidarvi. Il parto è il momento più bello e importante per una donna, che deve sentirsi la protagonista, accolta, capita e supportata.

Grazie ancora ad Angela per aver reso speciale quel momento per me e per tante altre donne.

giornata internazionale dell'ostetrica
Angela Paterno con mia figlia Zoe

Donatella Visceglia
40 anni, sono nata e vivo a Roma nello storico e suggestivo quartiere della Garbatella. Insegnante, psicologa/psicoterapeuta, mamma di tre piccole pesti: Gabriele 6 anni, “l’ingegnere/scienziato della famiglia”, Gaia 4 anni, la “nostra lettrice e ballerina” e Zoe 2 anni, “il sindaco”, con una capacità più unica che rara di decidere cosa fare e gestire i fratelli.

Related Posts

Comments

Rispondi

Stay Connected

22,878FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Recent Stories

X