Camminare da soli. Il primo passo verso l’autonomia.

Ultima modifica 22 Ottobre 2019

Poi arriva il giorno in cui tua figlia inizia a camminare.

Tu prima ti commuovi (del resto lo avevi fatto anche con la prima figlia), poi provi un misto di sentimenti che non riesci a capire se sono di felicità o di paura.
Fortuna che più passa il tempo più dentro di te le cose diventano chiare.

camminare da soli

Quando si ha un figlio piccolo si aspetta il momento in cui il bimbo inizierà a camminare con una certa ansia. In primis perché si crede che da quando il bambino inizierà a camminare la mamma sarà alleviata dal peso di tenerlo di continuo in braccio perché quello è il suo “primo passo” verso l’autonomia.

La mamma però non pensa che invece per lei inizierà un momento della sua vita molto impegnativo soprattutto se il figlio in oggetto non è il primo.

Infatti quando un bambino inizia a camminare per prima cosa si deve fare in modo che la casa sia “in sicurezza” mettendo le protezioni agli angoli appuntiti, cercando di chiudere i mobili per evitare che il bambino possa tirare fuori oggetti che oltre a rompersi potrebbero fargli male e via dicendo.

Ma tutto questo non è sufficiente soprattutto quando il figlio in oggetto è il secondo o perlomeno questa è stata la mia esperienza.

Perché la mia prima figlia da questo punto di vista è sempre stata molto brava.
Mai una foglia spezzata, mai le mani dentro i vasi. Certo anche lei apriva i cassetti e tirava fuori le cose che destavano maggiorante la sua attenzione, però non ricordo di averla mai dovuta rincorrere perché aveva la bocca piena di terra o stava cercando di addentare una foglia.

Mi dicono che questo avviene con i secondi figli perché hanno davanti a loro l’esempio dei primi e questo li porta ad essere più attivi oltre che più svegli.

A volte invece si sentono mamme che anche con un solo figlio raccontano di episodi come quelli che vivo io tutti i giorni con dvd in giro per le stanze, smalti salvati al volo prima che la piccola peste li lanci sul pavimento con conseguenze non proprio piacevoli e via dicendo.

Quando mi ritrovo a vivere scene come queste penso ai sentimenti contrastanti che ho provato la prima volta che l’ho vista camminare da sola e forse adesso mi è più facile capire quale sentimento avrebbe dovuto prevalere….

Però è talmente bello vedere questa loro continua ricerca di autonomia che tutto passa. Anzi, aspettiamo il momento in cui non avranno nemmeno bisogno che li teniamo perchè inizieranno a correre!!! E questo, credetemi, accadrà prima che ve ne possiate accorgere!

Rispondi