Paraspigoli, salvaprese e oggetti per chiudere i mobili

Ultima modifica 14 Ottobre 2019

Eccoci noi siamo arrivati ad uno dei momenti più difficili per una neomamma: quello in cui il bambino cerca di diventare autonomo.

Avete presente quella fase in cui gattona ovunque?

Per me pur essendo la seconda esperienza da mamma questa fase è un pò una scoperta.
La mia prima figlia non ha mai gattonato “seriamente”.
Aveva iniziato a strisciare sul pavimento in maniera strana piegando una delle due gambe e cercando di spingersi con l’aiuto dell’altra e delle mani.

La mia seconda figlia invece è diversa. Da un bel po di tempo prova a stare in piedi (non da sola ovviamente, ma sorretta da qualcuno) e ora che è arrivata a nove mesi ha imparato a mettersi seduta, cioè io la mettevo come sempre sdraiata su un tappetino e lei dopo poco faceva un movimento tale per cui io la trovavo seduta.
Ora ha  anche cominciato a gattonare esattamente come la sorella (cioè con una gamba sola) con la differenza che lei ha capito anche come continuare e ha imparato l’esatto meccanismo del gattonamento.

Quando comincia questa fase nella vita di un bambino, se la mamma è come me che non si è attrezzata con il box e/o con il girello l’unica cosa da fare per sopravvivere è mettere la casa in sicurezza.

Cosa intendo con questa definizione?

Vuol dire dotarsi di paraspigoli, oggetti per chiudere i mobili, salvaprese.
Il tutto per evitare il più possibile che il bambino si faccia male ogni volta che cadrà (perché cadrà e lo farà più volte ovviamente!).
copriprese
Quando ho vissuto questa fase con la mia prima figlia ho fatto un giro all’Ikea e ho acquistato tutto ciò che mi poteva garantire sicurezza in casa.
Ho cercato scegliere degli oggetti un po’ “carini” perché l’idea di doverli attaccare ai mobili con il rischio di rovinarli un po’ mi spaventava e così, soprattutto i paraspigoli che ho scelto a forma di manina, non li ho mai tolti.

paraspigoli
Però ho dovuto dotarmi nuovamente di oggetti che mi permettessero di chiudere le ante dei mobili o dei cassettoni ad altezza bambino, rimettere i copripresa ma soprattutto armarmi di tanta, tantissima pazienza perché ovviamente lei ogni volta che viene messa a terra e inizia a gattonare verso una meta che in genere è una meta proibita visto che predilige televisione e piante!

chiudiante
Certo se avessi optato per il girello forse questo periodo sarebbe stato più semplice perché ovviamente la bambina va tenuta sempre sotto controllo e non può essere lasciata da sola nemmeno per un minuto.
Ma io sono sempre più convinta dell’importanza della sperimentazione per un bambino e quindi, anche se più difficile sono contenta della mia scelta.

Rispondi