La cucina degli avanzi: i canederli

Ultima modifica 4 Giugno 2016

Conoscete i canederli? Sono un classico della cucina dell’Alto Adige e sono nati per utilizzare tutti i residui delle dispense. Ogni cosa poteva essere usata per i canederli da quelle popolazioni di montagna, allora povere, tutto era utile per togliere la loro fame ancestrale. Oggi, invece, sbaglia chi li considera un piatto della memoria, una ricetta noiosa, io ho imparato ad apprezzarli e a prepararli in modi diversi. Eccone alcuni:

Allo speck:
300 gr di pane raffermo ( un misto di pane bianco e pane integrale o di segale)100 gr di speck, 1/2 cipolla, 1 noce di burro, 2 uova, 2 bicchieri di latte, 2 cucchiai di farina, 2 di prezzemolo tritato, sale, erba cipollina, noce moscata, brodo.

Tagliare a pezzi il pane, bagnatelo con il latte e fatelo riposare qualche minuto. Tagliare lo speck a dadini, far dorare la cipolla nel burro, unite il prezzemolo, le uova sbattute, e versate tutto sul pane già scolato aggiungendo un po di latte se il composto è troppo sodo. Regolate di sale e, a piacere, di noce moscata. Quindi formare i canederli ( grosse palle che stanno nel palmo semiaperto di una mano) e cuocerli per 15 minuti nel brodo già caldo. Poi scolarli e servirli coperti di brodo o, meglio, conditi con burro fuso e trentingrana grattugiato ed erba cipollina tritata.

Con le patate
2 kg di patate, 5 tuorli d’uovo, 200 gr di ricotta fresca, sale, noce moscata, 3 cucciai di fecola di patate, 100 gr di burro,200 gr di formaggio di malga, ricotta affumicata.

Cuocere le patate nella cenere ( o nel forno avvolte nella carta stagnola) per 40-50 minuti. Preparare una fonduta immergendo il formaggio nel latte e scaldandolo a bagnomaria mescolando finchè non si formi una crema e, continuando a mescolare aggiungere, uno dopo l’altro, 4 tuorli d’uovo. Sbucciare le patate e schiacciarle insieme alla ricotta fresca e amalgamarle con la fecola insieme con 1 tuorlo d’uovo. Regolate di sale e di noce moscata. Formare i canederli e cuocerli in acqua bollente per 6-7 minuti. Versare la fonduta nei piatti, scolate i canederli e disponeteli sulla fonduta, condite con burro fuso la ricotta affumicata grattugiata. Mangiare ben caldi!

Con gli spinaci
300 gr di pane raffermo,2 bicchieri di latte tiepido,500 gr di spinaci o bietole, 120gr di burro,2 spicchi di aglio, 1 cipolla, 2 uova, sale, pepe nero, noce moscata, 1 cucchiaio di farina, 2 di pane grattugiato, 4 di pane integrale grattugiato.

Ragliare il pane a dadini bagnatelo con il latte, aggiungete gli spinaci sbollentati e saltati in padella con un po’ di burro, l’aglio e la cipolla a fettine. Unite le uova, insaporite con sale, pepe e noce moscata completando con il pane grattuggiato e la farina in modo da ottenere un impasto morbido, ma consistente. Cuocerli in acqua bollente e salata per 15 minuti, scolateli e conditeli con burro fuso, trentingrana grattugiato ed eventualmente con la salvia.

Sono una bontà, vi suggerisco di accompagnarli con un buon bicchiere di gewurtztraminer, servito in bicchieri grandi a bocca larga ( per meglio gustarne l’aroma ed il retrogusto), ma mi raccomando: solo 1 bicchiere!!!

Nonna Lì

Previous article
Next article

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

GLI ULTIMI ARTICOLI

More article