La voglia di casa..Il Natale

Ultima modifica 10 Ottobre 2019

CascinettoNeve24

 

Il Natale si avvicina, la comunità Expat é in gran fermento, le ultime settimane sono state un evento mondano via l’altro.

Recite scolastiche e  gran Bazar di Natale con tanto di mercatini stile tedesco al ” Kempinsky” Hotel, tradizionale ballo di Natale dell’ Expat Association Suzhou e altrettanto tradizionale festa all’orfanotrofio di Suzhou .

Ora le lezioni delle scuole internazionali sono  terminate e alcuni approfittano  del fatto di essere già in Asia per passare il Natale al caldo.

Thailandia, Malesia e altri paradisi “esotici” non sono molto lontani da qui o perché no,  l’estate é ormai arrivata nell’emisfero australe e  l’Australia stessa é  molto più facile da raggiungere vivendo da questa parte del mondo.

Per molti altri invece e,  soprattutto per noi,  Natale é casa e CASA vuol dire Italia.

Venerdì scorso la Suzhou Singapore International School ha chiuso la prima parte di anno scolastico e la sera stessa ci siamo imbarcati sul volo AirChina che ci ha riportato dritti dritti a Milano e da li,  ancora un’ora e mezza di macchina prima di poter riabbracciare tutto il resto della nostra famiglia che ci aspettava con la solita trepidazione.

Questo é il rovescio della medaglia della vita da Expat. Si  fanno continue nuove esperienze con tantissima gente diversa ma si perde il calore della quotidianità della famiglia “allargata”… quella dei fratelli,  sorelle, genitori e nipoti.

L’arrivo delle feste amplifica ogni cosa rendendo tutto più “urgente”: urge entrare nel clima Natalizio e di solito a me non accade fino a quando rientrando verso casa vedo le Prealpi biellesi imbiancate da un bellissimo strato di neve. Urge rientrare nella nostra casetta e sentire il profumo del legno e il calore della nostra stufa.   Urge immergersi  in un supermercato Italiano con gli occhi lucidi dall’emozione  e ritrovare il piacere di fare la spesa e, cosa più importante, urge riabbracciare il mio papà e godere dell’ennesimo Natale insieme.

Ora siamo qui, a goderci tutto questo ….. I bambini stanno frequentando una settimana di scuola elementare italiana ed hanno ritrovato vecchi amici e nuove insegnanti, mio marito ne approfitta per lavorare qualche giorno con i suoi colleghi  italiani e la sottoscritta si gode questi giorni di benessere totale casalingo addobbando la mia casetta con il rosso delle palline di Natale decorate a mano comprate a Suzhou, facendomi lunghe chiacchierate in Piemontese con il mio papà e i miei suoceri e passeggiando nei boschi dietro casa respirando finalmente a pieni polmoni senza sentirsi in colpa!.

La voglia di casa era tanta ed ora la soddisfazione é massima. Buon Natale a tutti!

 

Daniela Marzari

 

Rispondi