Ma perché tua figlia non parla?

Ultima modifica 19 Agosto 2017

E ricomincia uno dei tormentoni che una mamma spesso è costretta a subire: “..ma come mai non parla, certo si fa capire, ma mai una nuova parola, solo e sempre mamma-papà-pappa, ah si nonna e nonno ma quando inizierà a parlare veramente?”.

Già quando?

bambini e linguaggio

Ecco, io quasi mi ero dimenticata che nella vita di una mamma c’è anche questo “rito di passaggio”, quello in cui dopo l’emissione delle prime parole, la gente si sente legittimata a chiederti se tuo figli ha qualcosa che non va perché ha un linguaggio limitato, perché continua ad esprimersi a gesti o mono sillabi piuttosto che utilizzare un linguaggio “forbito”.

Non so a voi, ma a me in genere questo tipo di commenti fanno montare un certo nervosismo e mi chiedo perché la gente non perda mai occasione per tacere, piuttosto che parlare per frasi fatte e non si fermi un istante a riflettere prima di aprire bocca.

Non è un commento da mamma arrabbiata, forse lo sono stata nel corso della prima gravidanza, ma alla seconda vi assicuro che anche certe frasi passano un po’ inosservate, anche se ieri all’ennesima domanda mi sono fermata per un attimo a riflettere su questo tipo di commenti da parte della gente e da qui è nato il mio sfogo.

Qualche anno fa forse mi sarei veramente preoccupata, avrei chiesto al pediatra o mi sarei documentata (magari su siti specifici) per capire veramente se mia figlia non avesse qualche problema di sviluppo del linguaggio (al di la del fatto che si fa capire benissimo), adesso invece mi limito a rispondere che è tutto normale e che come sono arrivate le prime parole, così arriveranno anche le altre perché, quando meno ce lo aspettiamo, un gesto si trasformerà in parola e a seguire tutti gli altri.

Certo non avverrà tutto in solo momento, ma la “strada del linguaggio” per una bambina di 20 mesi è appena cominciata per cui credo sia inutile iniziare a preoccuparsi adesso, lo si potrà fare forse all’inizio della scuola dell’infanzia, ma ripeto forse e sicuramente senza ansie e senza stress.

Laura Zampella

 

Rispondi