Neonati: cos’è il massaggiagengive e come scegliere quello giusto

0
388

Ultima modifica 30 Marzo 2022

Tra gli accessori indispensabili quando si ha a che fare con un neonato certamente non può mancare il massaggiagengive, un oggetto in gomma che serve al piccolo per lenire il dolore dovuto alla dentizione. Lo spuntare dei primi denti è infatti una fase estremamente delicata, che prevede gonfiore e indolenzimento della parte, da gestire con appositi prodotti per neonati che possono rendere meno pesanti i sintomi.

Solitamente si utilizza quindi un pezzo di gomma preformato, che presenta delle escrescenze da passare direttamente sulla zona e che il piccolo può utilizzare in autonomia per diminuire il fastidio. Parliamo di un accessorio che può essere posto prima in frigo per domare anche un effetto di piacevole freddo, che in maniera del tutto naturale anestetizza la zona e permette di superare questa fase di transizione.

Se non sai come gestire il delicato momento e hai deciso di acquistare un massaggiagengive, ecco una serie di consigli utili per compiere la scelta migliore.

Come scegliere il massaggiagengive per neonati

Affidati a un brand conosciuto

Trattandosi di un oggetto che verrà messo costantemente in bocca, il suggerimento è di optare solo per marchi sicuri e certificati secondo le disposizioni UE, così da evitare che vengano emesse sostanze nocive che possano danneggiare la salute.

In commercio esistono soluzioni dotate di un ottimo rapporto qualità-prezzo, acquistabili sui principali portali web per rendere il momento della transizione meno doloroso e traumatico possibile per il neonato

Attenzione ai materiali impiegati

Il massaggiagengive è un prodotto realizzato in una gomma particolare, morbida e in grado di massaggiare le gengive con delicatezza, senza creare traumi ma allo stesso tempo mantenendo nel tempo la propria forma e funzione.

Fate attenzione che si tratti di sostanze atossiche e adatte al neonato e che l’accessorio possa essere posto all’interno del frigorifero per attuare una funzione anestetizzante nel caso in cui il fastidio si facesse molto acuto.

Ogni bambino deve possedere il proprio massaggiagengive personale, da non scambiare con gli altri per evitare il passaggio di batteri.

Opta per la forma indicata

I massaggiagengive ideale deve poter essere impugnato con facilità dal neonato, che deve essere in grado di utilizzarlo in autonomia e passarlo sulle gengive quando sono troppo gonfie e dolenti.

Via libera quindi a modelli dotati di pratico manico e dalla forma ergonomica, che entra bene all’interno della bocca senza mettere in pericolo le vie aeree del neonato.

Colori e forme originali

Se il bambino si lamenta parecchio durante la fase della dentizione, potrebbe essere distratto da un massaggiagengive colorato e visibile, che catturi la sua attenzione durante l’utilizzo.

Sono disponibili in commercio versioni davvero accattivanti dalla forma di animali e oggetti, pur mantenendo le regole di sicurezza imposte dalla normativa del settore. Opta quindi per una variante giocosa, trasformando in un momento divertente l’uso del prodotto e lenendo anche in questo modo parte dei sintomi tipici.

Rispondi