Un canto di Natale. Un classico intramontabile impreziosito dalle illustrazioni di Francesca dell’Orto

Ultima modifica 15 Dicembre 2020

Ecco qui il mio libro preferito di Natale.
Non poteva certo mancare nella mia libreria questa edizione impreziosita dalle illustrazioni di Francesca Dell’Orto. Lo hanno trasformato in un gioiello unico.

Chi è che non conosce Un canto di Natale di Charles Dickens?

È una favola suggestiva senza tempo.
Adatta per tutti e spendibile non solo a Natale.
Infatti la bontà e la generosità sono due valori irrinunciabili sempre.

La storia è stata scritta nel 1843, con un’affascinante ambientazione.
Natale in Inghilterra.

Il vecchio e burbero Scrooge, è profondamente contrario a qualsiasi tipo di festeggiamento. Avaro anche nei sorrisi e nella manifestazione dei sentimenti.

Improvvisamente, proprio nella notte di Natale viene accompagnato da tre spiriti molto particolari in un viaggio che lo porterà a rivivere i Natali del passato, del presente e del futuro.

Un canto di Natale

Prima di tutto riceve la visita del suo defunto collega Marley. Questi cerca di metterlo in guardia da comportamenti di cui potrebbe poi pentirsi. Gli preannuncia, poi, la visita di altri tre spiriti, che lo accompagneranno in un viaggio unico.
Scosso e dubbioso, Scrooge accoglie l’avvertimento e attende cosa accadrà.

Il libro affronta anche temi quali la povertà, l’analfabetismo e lo sfruttamento minorile. Molto presenti nell’Inghilterra di quegli anni. Le persone più fragili e più bisognose erano sempre quelle colpite più duramente.

E poi ecco i temi più profondamente natalizi.

Lo spirito del Natale è rappresentato dal nipote di Scrooge, Fred.
Questi continua imperterrito ad invitare lo zio ogni anno anche se viene rifiutato. Infatti considera il Natale come un momento in cui fermarsi a riflettere sulla gentilezza, sulla clemenza, sulla possibilità di aprire il proprio cuore all’amore e all’altruismo. 

Dopo aver affrontato i tre viaggi preannunciati da Marley, Scrooge resta profondamente angosciato dall’opinione che tutti hanno di lui, tra parenti colleghi e conoscenti.
Pertanto cerca di riparare al male fatto negli anni passati. Si impone di rinunciare al potere e denaro a favore degli altri e delle relazioni. Da questa sua nuova volontà finalmente nasce un po’ di serenità e di felicità. 

Un canto di Natale

Questo libro ci aiuta a ripercorrere i nostri ricordi legati al Natale.

Le nostre sensazioni e le tradizioni della nostra famiglia.
Fare l’albero, il presepe, indossare un pigiama nuovo, passeggiare tra vicoli illuminati di luci e colori, cercare fino all’ultimo minuto il regalo perfetto, aspettare in trepida attesa la mattina del 25 per poter scartare i regali, guardare sul divano vecchi film di Natale. Insomma per ognuno di noi il Natale ha un significato particolare, ma quello che sicuramente accomuna tutti è il fatto che il Natale è un momento magico.
Pieno di speranza, amore e calore. 

Assolutamente da leggere con tutta la famiglia, magari con una bella tazza di cioccolata e sotto le luci colorate dell’albero.

edizione de Il canto di Nagale

Dettagli tecnici:

Autore: Charles Dickens
Illustratore: Francesca Dell’orto
Editore: Edizioni Arca
Pagine: 96
Prezzo: 19,50 € 

Consigliato dai 4/5 anni.

Rispondi