Abruzzo da vivere in famiglia. Ecco alcuni posti da non perdere!

0
293

Ultima modifica 27 Agosto 2020

Fino a poco tempo fa pensavamo di non poter ad andare in vacanza.
La situazione non sembrava adeguata per consentire di viaggiare. 

Ma poi si è presentata l’opportunità di programmare un viaggio in Italia. E perchè no? Viviamo in un paese bellissimo. Abbiamo la possibilità di scegliere tra diverse proposte. Mare, montagna, arte,…abbiamo tutto.

E così anche io con la mia famiglia, ho voluto pensare ad una destinazione, che consentisse di riprenderci le meritate vacanze. In sicurezza.

L’Abruzzo è stata la nostra scelta. 

C’è il mare, ma anche borghi suggestivi, che meritano di essere visitati e ammirati.

Ecco i nostri suggerimenti.

Abbiamo scelto di soggiornare nel paesino di Città Sant’Angelo.

È un paese che ha ricevuto diversi riconoscimenti.
Nel 1999 è diventato Città d’arte. Nel 2009 è rientrato nei Borghi più Belli d’Italia. E nel 2018 è stato addirittura inserito dalla rivista statunitense di economia e finanza Forbes, tra i 10 migliori posti al mondo dove andare a vivere con pochi soldi. Bellissima la passeggiata panoramica, che gira intorno al paese. Si può ammirare la vista del mare.
Così come delle cime più alte dell’Appennino, Majella e Gran Sasso.
Il Gran Sasso da qui sembra davvero “Il gigante che dorme”. La struttura del paese è medievale, con stradine e vicoli che intersecano il lungo corso.
Qui sono presenti diversi negozietti e locali dove è possibile gustare le delizie del luogo. Menzione speciale va ai fiatonetti (ravioli salati, con il ripieno all’uovo e formaggio). Da vedere è sicuramente la Chiesa di San Michele Arcangelo. Sul corso ci sono anche diversi palazzi nobiliari. Di alcuni sono visitabili i cortili interni (Palazzo Maury).

Molto belle sono anche le porte di accesso al paese.

Alla fine del corso, poi, ci si ritrova davanti alla Villa comunale. I giardini sono stupendi. La vista è eccezionale. Ed è presente anche un’area attrezzata per i bambini.

Ci siamo regalati una giornata di mare nell’Area Marina protetta della Torre di Cerrano.

Abruzzo da vivere in famiglia

La Torre di Cerrano era una delle antiche torri costiere del Regno di Napoli.

Lo stile architettonico è rinascimentale. Si riesce ad avvistarla già a distanza.
Si erge su una piccola collina, vicinissima alla spiaggia.
Ed è circondata da alti pini marittimi.
La vista è suggestiva.

L’area marina protetta si estende per circa sette chilometri lungo la costa e per circa tre verso il mare aperto. 

È una meta imperdibile.
Offre la possibilità di esplorare la zona anche in bicicletta. E pedalare ammirando lo scenario marino è un’esperienza unica. Il mare presenta il classico fondale sabbioso dell’Adriatico. Perfetto per i bambini! Le dune bianchissime, offrono la possibilità di osservare alcune particolari specie di insetti e la presenza del Fratino, un uccello migratore raro.

La presenza poi della pineta costituisce una risorsa unica. Con un microclima piacevole in estate e il grande valore naturalistico. All’interno della Torre è presente il Museo del Mare. 

Ci sono anche aree attrezzate per poter godere del mare.
I costi sono contenuti e le misure di distanziamento rispettate. 

Un altro luogo da vedere è Sulmona.

È la patria di Ovidio. Un’imponente statua posta nel centro storico ce lo ricorda.

Abruzzo da vivere in famiglia

Ma è anche la patria dei confetti.
Noi che siamo super golosi, li adoriamo! Nei negozi è possibile fare delle piccole degustazioni. Si possono acquistare sciolti, oppure montati in stupende opere d’arte (fiori, bouquet, farfalle, coccinelle,…).

Abruzzo da vivere in famiglia

E se siete appassionati, quasi tutti i negozi spediscono in tutta Italia i loro prodotti.
Ma c’è anche tanto da vedere!  

Abruzzo da vivere in famiglia

Si arriva su Piazza Garibaldi, una delle più grandi d’Italia.
Questo luogo ospita la Giostra Cavalleresca di Sulmona (generalmente si tiene tra la fine di luglio e la prima settimana di agosto).
Le porte di accesso alla cittadina sono monumentali. Così come l’Acquedotto medievale, con le sue 21 arcate. Imperdibile è la cattedrale con la sua cripta.
E il complesso dell’Annunziata, composto dall’omonimo palazzo, dalla chiesa e la fontana del Vecchio. 

Anche il borgo di Atri, è inserito  nei Borghi più Belli d’Italia.

È considerata una delle più antiche città abruzzesi.
Ha una villa comunale di rara bellezza. Con giardini curati e giochi per i bambini.

Abruzzo da vivere in famiglia

La Cattedrale dell’Assunta domina la piazza centrale. All’interno ci sono affreschi del XV secolo e il chiostro che ospita il Museo Civico.

Abruzzo da vivere in famiglia

Il centro di Atri è caratterizzato da viuzze strette e suggestive, che costeggiano bellissimi palazzi signorili.

Da non perdere è il Palazzo dei Duchi Acquaviva. Il Belvedere offre un panorama unico. Si può prenotare anche una visita guidata alla Riserva Naturale dei Calanchi.
L’area comprende una grande varietà di specie vegetali e animali, ed è gestita dal WWF.
Da assaggiare è la liquirizia. Sotto forma di dolci o del famoso liquore.

È d’obbligo programmare una passeggiata sul lungomare di Silvi Marina, caratterizzato da negozi di prodotti locali. Se si vuole, si può fare una sosta al mare ovviamente. Le spiagge sono sabbiose e dotate di ogni comfort.

Abruzzo da vivere in famiglia

Consiglio però anche una visita al borgo antico di Silvi.
La vista sul litorale e sui monti dell’Appennino è unica.

Abruzzo da vivere in famiglia

Così come le costruzioni che ricordano un antico borgo di pescatori. 

Abruzzo da vivere in famiglia

Nei dintorni, poi, c’é Chieti.

È piccola e si può visitare facilmente in un giorno.
Passeggiando tranquillamente tra le vie del centro. Da vedere ci sono l’Anfiteatro e i Templi Romani. La Piazza Gian Battista Vico, che ospita diversi edifici. Il Palazzo Fasoli, la Chiesa di San Domenico, la Camera del Commercio, Industria e Artigianato. 

Da non perdere la Cattedrale di San Giustino.
La cripta ha al suo interno degli affreschi di notevole pregio.

Abruzzo da vivere in famiglia

La cosa più suggestiva di Chieti sono i vicoletti, da esplorare liberamente.
Fino ad arrivare alla bellissima Villa Frigerj. La sosta è d’obbligo.
Giardini, fontane, giochi d’acque, aiuole fiorite, alberi e panchine. All’interno della villa è presente il Museo Archeologico Nazionale dell’Abruzzo. 

Non possiamo non programmare anche una passeggiata sul Lungomare di Pescara.
Con “sosta gelato” nella storica gelateria Camplone. Imperdibile!

Infine un paio di ristoranti dove consiglio di mangiare, nei pressi di Città Sant’Angelo.

“L’incontro” per gustare pesce fresco, alla carta o con menù degustazioni. 

“Margazzillo” per assaggiare vere chicche delle cucina locale, dagli arrosticini alla pasta alla Mugnaia. 

Per entrambi ottimo il rapporto qualità/prezzo e grande attenzione ai piccoli ospiti.

Buon Viaggio!

40 anni, sono nata e vivo a Roma nello storico e suggestivo quartiere della Garbatella. Insegnante, psicologa/psicoterapeuta, mamma di tre piccole pesti: Gabriele 6 anni, “l’ingegnere/scienziato della famiglia”, Gaia 4 anni, la “nostra lettrice e ballerina” e Zoe 2 anni, “il sindaco”, con una capacità più unica che rara di decidere cosa fare e gestire i fratelli.

Rispondi