La verità è che lo spray al peperoncino è un’arma

0
219

Credo che la musica di Sfera Ebbasta così come di altri suoi colleghi della Trap siano la rovina dei nostri figli.

Come ampiamente dettagliato da Alessandro nel suo articolo, anche a mio parere, alcuni artisti di oggi “altro non fanno che pubblicare canzoni che possano piacere ai potenziali clienti, senza preoccuparsi della loro funzione educativa“.

Ma prendersela con lui, oggi è sbagliato.

Ogni volta che succede qualche cosa, siamo tutti opinionisti.
Ognuno di noi sui vari social, sente la neccessità di dire la sua.
Sabato sera, dopo la strage che c’è stata ad Ancona prima del concerto di Sfera Ebbasta nella quale sono morte ben 6 persone e numerose altre sono rimaste ferite, alcune anche gravemente, ne ho lette di ogni.

spry peperoncino

Nonostante il mio lavoro, io non sono riuscita a scrivere nulla.
Avevo in testa solo un pensiero: se fosse capitato a mio figlio?
Perchè poteva succedere allo stadio, in piazza prima di un concerto.
In un qualsiasi luogo che oggi o domani mio figlio potrebbe frequentare.

E allora, facile dare la colpa ad un Sfera Ebbasta qualunque.
Facile accanirsi sulla sua idiozia, sui suoi testi diseducativi, o sul suo modo di essere (o far finta di essere) che sicuramente danneggia i deboli di testa.

La verità è che lo spry al peperoncino è un’arma.

E come tale andrebbe venduta in modi differenti. Non certo su una piattaforma alla quale possono accedere tutti, o in allegato ad un giornale in edicola come un gadget qualsiasi.

spry_peperoncino19,90 su Amazon, con un solo suggerimento: quello di usarla preferibilmente all’aperto.

Stiamo scherzando?

Lo spry al peperoncino viene usato dove ci sono tante persone per fare rapine, per rubare il cellulare o la borsa, per scappare dopo averlo fatto.
Spesso dopo aver creato il panico, la situazione non è facile da gestire anche se ci si ritrova all’aperto, figuriamoci in un locale chiuso, affollato di gente che reagisce urlando, e cercando di correre verso l’uscita.

La verità è che non andrebbero venduti biglietti oltre a quelli consentiti.

A fronte di una capienza di 469 persone sono stampati 1400 biglietti.
Se sono solamente 469 i posti disponibili, perchè c’è un biglietto con numero 1330 e tanto di sigillo?
I carabinieri confermano che ne sono stati venduti unicamente 680, ma ci sono numerose persone che hanno affermato di essere entrate senza, e di aver ricevuto unicamente un braccialetto, a fronte della prenotazione di un tavolo.

I gestori dei locali dovrebbero mettersi una mano sulla coscienza e chiedersi se davvero ‘fare cassetto’ vale una vita.
Le leggi ci sono.
Vanno semplicemente applicate.

La verità è che forse qualcosa è andato storto anche per la Sicurezza

Il numero di uomini della sicurezza erano adeguati al numero di persone presenti nel locale? Hanno saputo dare le giuste informazioni ai ragazzi?
Ma soprattutto: hanno aperto subito tutte le porte di sicurezza?
Ricordiamo poi che è la stessa sicurezza che dovrebbe controllare i ragazzi all’entrata.
Dato che già altre 15 volte ( per le informazioni che sono riuscita a trovare ) si sono verificati episodi simili, uno dei quali proprio nel 2017 ad un concerto dello stesso Sfera Ebbasta ad Ancona, forse era il caso di fare più attenzione.

La verità è che sono morte delle persone.

Dei ragazzini. Una mamma. Persone che sono uscite il sabato sera, per andare a divertirsi e a vedere il loro artista preferito.
Forse è ora di iniziare a rispettare le regole.
Perchè morire così è davvero ingiusto.

E se mi permettete anche un’ultimo commento, forse è ora che anche i manager diano ai fans degli artisti da loro rappresentati, un po’ più di rispetto.
Perchè Sfera Ebbasta quella sera aveva due eventi, alla stessa ora, a 100 Km di distanza. Al primo evento previsto per le 22.00 è arrivato a mezzanotte.
Al secondo, quello di Ancona appunto, sarebbe arrivato, forse, verso le due.

L’artista sarebbe quindi salito sul palco esattamente 4 ore dopo l’orario indicato.
Questo già è grave in qualsiasi altra situazione, ma trattandosi di ore notturne, e per uno spettacolo a cui partecipavano anche adolescenti è veramente irrispettoso.

 

 

Milanesedipendente, uno spiderfiglio a un marito che adoro. Sono una persona leale, cortese, pazza ma senza strafare, permalosissima e un po’ pignola. Avere a che fare con me non è semplice, ma se scatta la scintilla...

Rispondi