Mollo tutto e apro una pasticceria

0
434

Ultima modifica 3 Marzo 2020

Quando ci penso a volte ancora non ci credo.
Ho deciso di lasciare il così detto posto fisso per aprire una pasticceria.

Lo so, sono matta direte voi, ma io sono felicissima, trovo che per inseguire i propri sogni non sia mai tardi e io, all’alba di 44 anni ho deciso di fare il salto.

Fare dolci è la mia passione da sempre, ne creo di nuovi, modifico gli ingredienti in quelli classici per apporre sempre la mia firma, e credetemi in famiglia, ma non solo, non vedono l’ora che io… realizzi un nuovo dolce 😛

In tutto questo c’è la firma del marito, che mi ha appoggiato fin da subito, anzi diciamo che mi ha proprio spronato perché io in alcuni momenti ero veramente indecisa. Paura di perdere il certo per l’incerto.

pasticceria

Lo so, non vi dico nulla di nuovo, ma un conto è dire alle amiche: provaci!
Un conto è essere tu la persona che deve provarci!

E così l’avventura inizia dalla caccia alle attrezzature per la ristorazione, alla ricerca di un ventaglio di dolci che producono in pochi, cercando di pensare a come impostare un locale che offra qualità con prezzi modici.

Mia figlia poco più che diciottenne ha già deciso che nel week end viene a darmi una mano a preparare i cannoli siciliani, la sua passione.
E anche lei, (deve aver preso da mamma) ogni volta che li prepara aggiunge o modifica sempre un ingrediente.
Ed ogni volta i cannoli non sono mai uguali. 

Non so se questo sia un bene o un male, soprattutto in virtù di voler fidelizzare un’ipotetica clientela, ma per ora… credo che questo estro per noi sarà un po’ come il fiore all’occhiello.

E intanto che capiamo come gestire il locale, con Elisa, mia figlia, cerchiamo di capire anche che attrezzature acquistare, on line su Gastrodomus, come ci ha suggerito papà. Perché li si trova tutto in una volta sola, siamo sicuri che i prodotti hanno un ottimo rapporto qualità/prezzo,  il servizio è ottimale ed è completamente made in italy.

Provato tempo fa, per acquistare il frullatore da frappè… perché diciamocela tutta, noi d’estate viviamo di frappé alla vaniglia!!

Rispondi