Conservare le cellule staminali. Quale banca scegliere?

Ultima modifica 25 Ottobre 2019

Scegliere con cura la bio-banca alla quale affidare la conservazione cellule staminali del proprio figlio è sicuramente una decisione importante.
Soprattutto una scelta difficile se consideriamo che le cellule staminali cordonali possono essere raccolte unicamente al momento della nascita.

Conservare le cellule staminali. Quale banca scegliere?

staminali

Anche se le banche che si occupano di conservazione cordone ombelicale sono molto numerose, il livello qualitativo del servizio offerto non è standardizzato ma varia da struttura a struttura.

Come fare allora per orientarsi in questo scenario.
Quali sono i parametri da valutare per scegliere con serenità la giusta bio-banca?

Primo fra tutti, conoscere la storia della struttura.
Il numero di trapianti effettuati e quello di campioni conservati può essere di primaria importanza. Perché solo così è possibile comprendere la capacità ed esperienza di una bio-banca nel saper conservare correttamente il sangue del cordone ombelicale.
La competenza in ambito scientifico è un dato importante, se non essenziale e il Comitato Scientifico interno alla struttura deve essere qualificato, autorevole e con diverse pubblicazioni scientifiche alle spalle.

Oltre a questi aspetti, è opportuno che una bio-banca abbia alcune certificazioni di qualità.

Tra queste, la più importante è la GMP (Good Manufacturing Practice.
Riconosciuta a livello internazionale, che obbliga al rispetto di procedure operative molto severe per massimizzare la qualità dei prodotti destinati ad uso clinico.

Nella scelta di una bio-banca, inoltre, bisogna verificare quali sono le misure per la tutela patrimoniale e legale che la struttura mette a disposizione dei propri clienti.

Per questo è preferibile che il contratto sia di diritto Italiano e che soddisfi sia il nostro sistema fiscale, sia le normative di riferimento dell’Unione Europea.

Infine, non è da sottovalutare una giusta e accurata definizione delle coperture assicurative. Queste ultime infatti garantiscano la conservazione del cordone ombelicale anche in caso d’insolvenza della bio-banca. A tutto questo non bisogna rinunciare a un servizio ininterrotto per tutti i giorni dell’anno. Un’assistenza domiciliare per quanto riguarda la parte burocratica e la garanzia del diritto di recesso.
Questi sono gli elementi che aumentano il livello qualitativo del servizio offerto e fanno sì che sia completo e affidabile così da soddisfare le esigenze e le aspettative dei futuri mamme e papà.

Rispondi