Incontro (al telefono!) con Davide De Marinis. #iorestoacasa Andrà tutto bene!

Ultima modifica 16 Maggio 2020

Davide De Marinis ci parla da casa sua a Milano.
Lo abbiamo raggiunto (al telefono ovviamente) per chiacchierare un po’.
Della sua carriera artistica, del suo progetto, ma soprattutto della sua “giornata particolare” per citare un gran film. La sua giornata tipo in quarantena.

Prima di questo Davide ci ha tenuto a raccontare il suo ultimo progetto, nato appunto nei primi giorni di questa quarantena.

Davide de Marinis ha appena scritto la sua ultima canzone dal titolo Andrà tutto bene #iorestoacasa.

Davide De Marinis

Per l’occasione Davide ha voluto intorno a sé molti amici. Ben 70.
Tanti sono quelli che hanno risposto alla sua chiamata. Gli amici di Davide appunto.

Davide De  Marinis ci ha raccontato di avere “pensato” la canzone proprio durante i primi giorni di quarantena nella sua mansarda milanese. Un po’ per sfogo, racconta lui stesso. Prima il testo, poi la strofa, poi la musica (canticchiando il riff davanti allo specchio) e così è nata.

Utilizzo il mio tempo per scrivere nuove canzoni, per leggere, dipingere, sognare e… pensare a te; e utilizzo il mio corpo per fare, disfare e poi ridere, condividere al telefono, poi chiamami, magari amami…”.

Davide De Marinis ci ha anche raccontato come è stata realizzata materialmente la canzone.

Ho mandato il pezzo ai miei amici, e loro l’hanno cantata in sinc, sulla mia voce per capirci. Poi mi hanno inviato i loro video, ed ecco che è nato il mio progetto“.

E chissà, diciamo al telefono, che non sia da oggi il nuovo modo di concepire anche la realizzazione di brani e opere musicali!

Poi chiacchieriamo di come passa la sua giornata in quarantena (non proprio simile a quella di noi mamme, alle prese con la didattica a distanza!).

“Io sono un po’ come superman, con una doppia vita! In estate più supereroe, giro l’Italia e faccio concerti nelle città. Ma in inverno sono Clark Kent. Sto volentieri a casa, nella mia mansarda milanese”.

Non proprio come si sta adesso in quarantena però, diciamo insieme!

Davide ci racconta ancora della sua giornata tipo, della sua spesa online, della sua videochiamata alla mamma e ai suoi nipoti.

E ci dice di sentire forte la mancanza della sua corsa di 5/6 km, che prima era un appuntamento fisso quotidiano.

Sebbene le sue giornate siano comunque piene di impegni. Contatti, interviste, interventi a radio e tv, proprio per promuovere il suo progetto.

Il messaggio del brano, ci racconta, è stato inizialmente condiviso sui social. La risposta non si è fatta aspettare. I suoi fans infatti l’hanno fatto girare in rete e De Marinis ha deciso di condividere questo progetto anche sulle reti televisive.

Così a Storie italiane, su Rai1, lo ha raccontato alla conduttrice Eleonora Daniele.

davide de marinis

“E’ una situazione completamente nuova – racconta Davide de Marinis in collegamento-  quasi surreale. L’idea di non poter uscire è un limite. E’ una situazione che non avrei mai voluto vivere. Confido in questa quarantena obbligata affinché tutto si possa risolvere nel più breve tempo possibile. Tutto andrà bene!”.

Il ritornello della sua canzone (che scommettiamo sarà il tormentone dell’estate, com’era già successo per il suo primo successo Troppo bella del ’99), ci racconta, nasce nel terzo giorno.

“E andrà bene, andrà tutto bene, che tutto passa, se stiamo insieme …e non vedo l’ora di riabbracciarti ancora”.

La fine della canzone è invece un augurio per tutti: “La cosa più bella è che alla fine di questo tempo riacquisteremo la possibilità di riabbracciarci senza aver paura l’uno dell’altro” .

Tutti uguali, tutti nelle stesse condizioni. Tutti possibili bersagli di uno stesso nemico invisibile.

La forza però è in questo. Nell’unione. E gli amici di Davide hanno accolto questa chiamata per uno scopo benefico.

Il video infatti è distribuito su tutte le piattaforme digitali, e le donazioni saranno devolute al progetto AIRVO 2 del Distretto Aurunco per l’acquisto di un respiratore pediatrico da donare al reparto di pediatria e neonatologia dell’Ospedale Dono Svizzero di Formia (Latina).

“Chiunque può scaricare il pezzo e contribuire. Costa 1 euro, ma insieme potremo dotare l’ospedale di un dispositivo che, sebbene si spera non serva mai, è importante che ci sia“.

Il progetto nasce grazie alla collaborazione con l’Associazione nazionale Teniamoci per Mano Onlus e con il Patrocinio e sostegno della Nazionale Italiana Cantanti (di cui Davide de Marinis fa parte, ndr) attraverso La Partita del Cuore Umanità Senza Confini Onlus.

Insomma l’ennesima conferma del grande cuore di Davide e dei suoi amici.

davide de marinis

Hanno partecipato al progetto Andrà tutto bene #iorestoacasa di Davide De Marinis: Luca Abete, Andrea Agresti, Francesca Alotta, Francesco Altobelli, Valeria Altobelli, Audio 2,. Marcello Cirillo, Gabriele Cirilli, Cugini di Campagna, Dino, Chicco Fabbri, Sara Facciolini, Marco Ferradini, Roberto Ferrari, Attilio Fontana, Laura Freddi, Giovanna, Eva Grimaldi,. Jalisse, Claudio Lauretta, Le Dolce Vita, Matthew Lee, Little Tony Family, Paolo Mengoli, Antonio Mezzancella, Jessica Morlacchi, Neja, Francesco Pannofino, Agostino Penna, David Pratelli, Tiziana Rivale, Ross di Gigi e Ross, Lidia Schillaci e ancora, Abba The Best, Rosario Albanese, Isabella Alfano, Rossella Ambrosini, Turchese Baracchi, Davide Bellafronte,. Angelo Carestia, Claudia Conte, Gisella Cozzo, Ilenia De Sena, Irma Di Benedetto, Dj Panico, Gianni Drudi, Marta Charlotte Ferradini, Gama, Giuseppe Gambi, Alessandro Gubbini, l’associazione di Clownterapia “Teniamoci per mano Onlus”, Lara La Zia, Roxana Lefter, Le Ninfe della Tammorra, Mago Heldin, Sophie Magrini, Fabio Mosello, Operapop,. Kika Pavesi, Antonella Salvucci, Giorgina Sparkling, Viktoria Subaeva, Ginny Vee, Danny Virgilio, Vittorio Il Fenomeno, Mirko Zullo.

Oltre alla vendita in digitale del brano e allo streaming è possibile effettuare donazioni libere utilizzando Iban Biper Banca IT30Y0538701609000035058797 intestato alla Partita del Cuore con causale Ospedale Formia Andrà tutto bene.

Rispondi