Inverno in arrivo nelle case italiane: ecco come proteggere i propri bambini

Ultima modifica 29 Novembre 2022

Dicembre è alle porte: in Italia è arrivato il primo freddo e con esso sono stati accesi i primi riscaldamenti di casa. Ma considerata la crisi energetica e le conseguenti nuove regole dettate dal governo, gli italiani sono chiamati a fare molta attenzione ai consumi energetici: cercare di risparmiare per evitare spiacevoli sorprese in bolletta li sta mettendo a dura prova, specie per quelle famiglie che hanno figli piccoli.

D’altronde, se da un lato si cerca di ridurre i costi, dall’altra risulta impossibile limitare al minimo l’accensione dei riscaldamenti per non far soffrire il gelo ai bambini. Vediamo quindi come tutelare i piccoli col sopraggiungere dell’inverno.

I consigli per chi ha figli piccoli

Considerando la già citata crisi energetica e i problemi legati a chi ha figli piccoli, per proteggere i bambini al meglio occorre innanzitutto rispettare le loro esigenze. Di per sé il freddo non provoca febbre o malanni, a differenza dei repentini cambi di temperatura. Ed è per questo che è necessario prestare attenzione alle richieste (anche tacite) del bambino: coprirlo troppo lo farà accaldare e di conseguenza sudare. Al contrario, se un bimbo è particolarmente freddoloso, allora è opportuno fornirgli una copertura in più.

In linea generale, quando i piccoli si trovano in casa, la soluzione migliore è sempre quella di usare il metodo della cipolla, ovverosia di vestirli a strati. Dalla cosiddetta maglia della salute, ai calzini pesanti, ai maglioncini che proteggono il collo del bambino, è importante che il piccolo abbia la possibilità di togliersi qualcosa di dosso se percepisce eccessivo calore.

Parlando invece delle ore notturne, quando il riscaldamento si spegne, è fondamentale non scaldare troppo la camera da letto, specialmente quelle in cui dormono i neonati o i bimbi di circa un anno. Sarà utile, invece, far indossare al piccolo una tutina integrale di tessuto non sintetico, un bel piumino caldo o un sacco da nanna.

I trucchi per risparmiare

Inutile dire che per gli italiani sarà indispensabile essere in grado di risparmiare, soprattutto per chi ha figli piccoli. In particolare, gestire correttamente l’energia consentirà di ridurre i consumi e quindi di essere capaci di affrontare al meglio il difficile periodo invernale.

Sapere inoltre come funziona la bolletta e in che modo si arriva a determinati importi è importante, per tale ragione esistono contenuti informativi come quelli di ENGIE sulla bolletta di luce e gas, la cui funzione è quella di spiegare dettagliatamente tutti gli aspetti che vengono presi in considerazione.

In ogni caso, sempre in tema di gestione dei consumi, si consiglia si optare per elettrodomestici a cosiddetto “risparmio energetico” e di farne uso in maniera intelligente ed efficiente, ovverosia quando strettamente necessario. Un altro aspetto di cui è bene rammentare è di non tenere attaccata la spina dei vari dispositivi (i quali consumeranno anche se spenti), di accendere la lavastoviglie unicamente al bisogno e di lavare a mano anziché usare la lavatrice. Piccoli accorgimenti che si riveleranno indispensabili per il portafoglio degli italiani.

Rispondi