Sanremo 2018: Fiorello è come Maradona, dove lo metti vinci!

0
744
fiorello_sanremo_2018

Ultima modifica 27 Agosto 2020

Due parole sulla Prima serata di Sanremo 2018.
Se ne saranno scritte troppe?

Certamente si. E, a seconda di chi ha scritto, è stato un Sanremo bellissimo o bruttissimo.

Ci sono però delle cose che comunemente hanno detto tutti.

E allora eccoci a riassumere la Prima serata di Sanremo 2018 con i nostri commenti, e a commentare quelli degli altri.

Prima serata di Sanremo 2018

Su un paio di cose sembrano essere tutti d’accordo:

1. Fiorello è come Maradona.

Dove lo metti vinci (citazione di Gino Castaldo giornalista musicale di Radio Capital).

E infatti lui è stato LA Prima Serata di Sanremo.

Pure quando, preso da un attacco di Baudite acuta, ha dovuto fronteggiare il classico “disperato” che rivendica un qualche diritto negato salendo inaspettatamente sul palco.

Prima serata di Sanremo 2018

2. Michelle Hunziker Promossa.

l’elvetica Michelle, come l’hanno appellata i suoi colleghi, sembra essere uscita indenne dalla prima prova. Quanto ai cambi d’abito, spalline a parte, a Re Giorgio (Armani, ndr) non si può obiettare nulla. Mise perfetta, scollo impeccabile e immobile (ma come avranno fatto???)

3. Viva il botox.

E qui i commenti si sono sprecati.

C’è chi ha visto un Baglioni fratello di Renato Balestra, una Vanoni come il jolly delle carte di scala 40.

Ron ha fatto lo shampoo con la candeggina, i due Pooh senza lifting ma con dentiere traballanti che sembravano dovessero finire tra il pubblico da un momento all’altro. E per fortuna che avevano arretrato le prime file.

E Favino?

Lo hanno presentato come il grande attore che calca il palco dell’Ariston. E credo sia riuscito a confermare questa aspettativa. Per mio figlio invece sarebbe soltanto “quello della pubblicità della pasta”. Avrà ragione lui?

Che poi, il resto, l’ha detto tutto Fiorello. È riuscito a valicare persino il limite della par condicio, senza colpo ferire. Ha pizzicato tutti e nessuno lo ha querelato.

Ma le canzoni della Prima serata di Sanremo 2018?

Beh, se dovessi scegliere il vincitore di questa edizione sanremese voterei E tu. Ma quella è fuori concorso. E pure vecchia. Ha 44 anni.

Le altre sono nuove. E dunque vanno ascoltate e riascoltate. Magari nuove proprio non tutte. Ma questo lo stabilirà l’autorità per il plagio musicale.

L’età media dei cantanti è 50 anni. Se escludiamo i The Kolors (chi?), Annalisa, Giovanni Caccamo, Lo Stato Sociale e Meta-Moro (e neanche tutti e due) tra un po’ al posto di Big, la categoria dovrebbe chiamarsi Old.

Che andrà pure bene a noi che siamo cresciuti con le canzoni di Baglioni, ma da un dittatore artistico cantante ti saresti pure potuto aspettare qualche novità in più.

Ma forse i giovani cantanti a Sanremo non ci vogliono proprio andare. Preferiscono Youtube. Che però come dice Fiore, fa sentire le canzoni con qualche stop qua e là.

Per chi si fosse addormentato (e noi lo capiamo), la classifica momentanea della Prima serata di Sanremo 2018 vede in vetta, per fortuna, qualche giovane.

Prima serata di Sanremo 2018

Nella classifica alta (i migliori), infatti troviamo Annalisa, Lo Stato Sociale (merito dell’attempata ballerina o realmente della loro presa sul pubblico?), Max Gazzè, Ermal Meta e Fabrizio Moro, Nina Zilli, Noemi, Ron.

A metà classifica Luca Barbarossa, Elio e le Storie Tese, Giovanni Caccamo, Mario Biondi, The Kolors, Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico,

I peggiori classificati sono Red Canzian, Decibel, Diodato e Roy Paci, Enzo Avitabile e Peppe Servillo, Roby Facchinetti e Riccardo Fogli, Le Vibrazioni, Renzo Rubino.

A conferma questo che i “vecchi” commentano e scrivono sui blog e sui giornali nazionali, i giovani votano dal loro smartphone. E forse è anche giusto così.

Stasera si esibiranno 10 tra questi 20 big: Annalisa, Red Canzian, Decibel, Diodato e Roy Paci, Elio e Le Storie Tese, Ermal Meta e Fabrizio Moro, Ron, Vanoni-Pacifico-Bungaro, Le Vibrazioni, Nina Zilli.

E quattro nuove proposte. E magari stasera l’età media si abbasserà.

Ci aggiorniamo più tardi. E se vi andasse di condividere i vostri commenti, noi le nostre chiacchiere le facciamo su Le Nuove Mamme community

Rispondi