Seggiolini anti abbandono in auto obbligatori per legge

0
564

Noi mamme al volante abbiamo spesso sognato di ideare in qualche modo dei “seggiolini anti abbandono” in auto. È un argomento che ci tocca da sempre. Perché quando un genitore “dimentica” in macchina il proprio figlio piomba in una tragedia dalla quale non se ne esce.

Ci siamo proprio chieste spesso: ma nell’era tecnologica nella quale viviamo, con la capacità che ha l’uomo di andare su Marte, è possibile che non si riesca a congegnare qualcosa per evitare le conseguenze tragiche di quella che oggi i giornali chiamano “amnesia dissociativa”?

Si. È possibile. Anzi, da ora in avanti sarà anche obbligatorio l’utilizzo.

Finalmente approvata dall’Aula del Senato la legge sui seggiolini anti abbandono in auto.

seggiolini anti abbandono

I seggiolini anti abbandono diventano obbligatori. Una conquista della tecnologia in aiuto dei genitori.

La amnesia dissociativa, dicono gli esperti, è un tipo di amnesia causato da traumi o stress che determina l’incapacità di ricordare informazioni personali importanti.

Personalmente credo che non sia necessario disturbare Freud per capire che la vita frenetica di ogni giorno può portarci a distrarci e, si, assurdo ma i fatti lo confermano, a dimenticare il proprio bimbo in auto.

Senza soffermarsi sulle cause, sulle parole spese a profusione quando è capitato un caso di cronaca del genere, noi oggi vogliamo applaudire alla legge che consentirà che questo non accada più in Italia.

Con 261 voti a favore, uno astenuto e nessun contrario, l’Aula del Senato ha approvato l’obbligo di dispositivi sui seggiolini anti abbandono nelle auto.

seggiolini anti abbandono

Non essendoci stati emendamenti il testo confermato alla Camera è diventato legge, ed entrerà in vigore a partire dal 1° luglio 2019.

La legge prevede che le auto che trasportano bambini da 0 a 4 anni dovranno essere equipaggiate di seggiolini anti abbandono.

Si tratterà dunque di dotare il seggiolino dell’auto di un dispositivo elettronico che avvisa della presenza di un bimbo in macchina.

La legge modifica l’articolo 172 del Codice della Strada, e introduce quattro articoli che normeranno l’obbligo.

Nello specifico inserisce l’assenza di un allarme anti abbandono tra le fattispecie sanzionate per il mancato uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per i bambini.

La violazione di tale obbligo sarà punita con una ammenda da 81 a 326 euro.

In caso di recidiva è prevista un aggravante che andrà a sanzionare il soggetto con la sospensione della patente da 15 giorni a 2 mesi.

Entro 60 giorni il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dovrà emanare il decreto che conferma la legge.

seggiolini anti abbandono

Nel decreto saranno inclusi anche i dettagli tecnici che dovranno avere questi dispositivi da porre sui seggiolini anti abbandono
Il Ministero ha anche stanziato 80mila euro per una campagna informativa modalità di utilizzo dei dispositivi, e sui rischi che derivano dall’amnesia dissociativa.
Saranno previste nella legge anche eventuali agevolazioni fiscali per l’acquisto di seggiolini anti abbandono.
Per una volta governo e opposizione si trovano d’accordo nell’applaudire una legge di civiltà e prevenzione.

E noi applaudiamo con loro. Perché anche un solo bambino salvato da una possibile amnesia dissociativa vale lo sforzo della collettività e del Governo nel mettere in atto tali regolamenti.

Classe 1971, dicono buona annata per il barolo, viaggiatrice per indole, blogger per caso, mamma per scelta di 2 ragazzi di 8 e 14 anni che come tutti i figli (maschi per giunta), mi fanno tribolare.

Rispondi