Con i bambini alla scoperta di San Galgano e la spada nella roccia

0
170

Tutti conosciamo la leggenda di Re Artù e dei Cavalieri della Tavola Rotonda, ma quanti sanno che anche in Italia, a pochi chilometri da Siena, e precisamente a San Galgano, potete far vedere ai vostri bambini la vera spada nella roccia?

Noi ci siamo stati in occasione di un weekend in Toscana, partendo da Roma. Nello stesso weekend abbiamo visitato anche Il Giardino dei Tarocchi.
Due itinerari da favola a breve distanza da Roma, ideali da fare con i bambini!

San Galgano e la spada nella roccia

La spada nella roccia si trova in una piccola cappella circolare nei pressi dell’abbazia di San Galgano. Al centro della cappella circolare, in una roccia e protetta da una teca di vetro è incastonata una spada che risale al 1170.

San Galgano e la spada nella rocciaIl complesso composto dall’Eremo o Rotonda di Montesiepi e dalle rovine della grande Abbazia di Circestense di San Galgano è uno dei più suggestivi che si trovano in Toscana.

La teca è stata costruita perché nel passato la spada è stata danneggiata a causa di persone che hanno provato ad estrarla. E’ stato necessario quindi metterla in sicurezza per evitare che i danni diventassero irreparabili.

La leggenda racconta della conversione di Galgano Guidotti, nato a Chiusdino nel 1148 da famiglia nobile, che dopo una vita dissoluta si converte al Cristianesimo. Come simbolo dell’abbandono della precedente vita di dissolutezze e divertimento trafiggere simbolicamente con la sua spada una roccia formando una croce con l’elsa. A differenza di Artù quindi, San Galgano non estrae la spada, ma la incastona nella roccia.

Subito dopo la morte del santo, avvenuta nel 1181, venne qui costruita la Rotonda o l’Eremo di Montesiepi, consacrata nel 1185 in stile romanico. La cappella è addirittura arricchita dagli affreschi di Lorenzetti. All’interno nel centro sta conficcata la spada, l’unico miracolo noto di questa personalità. Fra il 1220 e il 1268 viene edificata l’Abbazia di San Galgano, in stile romanico – gotico.

La visita del complesso di San Galgano e dell’Eremo di Montesiepi con i bambini può essere vissuto come una vera e propria avventura! Partite dall’Abbazia. L’Abbazia, o meglio quel che ne resta è affascinante. E’ priva di tetto e di pavimenti, mentre l’abside e le navate sono ben riconoscibili. E’ circondata da tanto verde, quindi un’attrattiva in più per i bambini che possono correre liberamente nella natura.

San Galgano

Potete a questo punto prendere il sentiero che porta all’Eremo. Il percorso è un po’ impegnativo, molto scomodo se avete passeggini. In alternativa potete prendere la strada asfaltata che parte dal parcheggio, più comoda anche se meno suggestiva. Una volta arrivati all’eremo godetevi le espressioni stupite dei bambini alla vista della spada nella roccia!

Informazioni per la visita all’Abbazia e all’Eremo

La Grande Abbazia di San Galgano e l’Eremo di Montesiepi sono aperti al pubblico tutti i giorni con orario, fino al 30 giugno, dalle ore 10.00 alle 18.00.

Per la visita valgono le limitazioni delle varie Ordinanze della Regione Toscana quindi: mascherina, distanziamento sociale e no, per ora, ai gruppi.

Nel parcheggio è presente un bar con un piccolo spazio giochi per i bambini, per riposarsi e rifocillarsi.

Paola Infanti 49 anni, romana, una lavoro, un marito, una figlia, e poco tempo libero. Cintura nera di shopping. Amo l'arte, il cinema, i viaggi, il vino e il buon cibo.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here