Da Bruges a Gand, il viaggio nelle Fiandre prosegue… [reportage di viaggio]

0
55

Dopo le due notti a Bruges il viaggio prosegue verso Gand (o Gent).
Ci muoviamo sempre in treno.
Gand è a circa mezz’ora sia da Bruges che da Bruxelles, i collegamenti sono molti frequenti. Gand è una città più grande, sede universitaria.
Il Centro Storico però è piccolo e facilmente esplorabile a piedi. L’hotel scelto è il Marriott, che si affaccia proprio sul canale.
Anche a Gand rimaniamo due notti, anche in questo caso perdersi la città alle luci della sera sarebbe un vero peccato.

Bruxelles Bruges e Gand con i bambini Bruxelles Bruges e Gand con i bambini Bruxelles Bruges e Gand con i bambini Da Bruges a Gand Bruxelles Bruges e Gand con i bambini

Meno famosa di Bruges, ma altrettanto bella, anche Gand è infatti percorsa dai canali e ha il caratteristico centro storico medievale con le case colorate con il tetto a punta. Ahimè anche qui troveremo soprattutto brutto tempo, ma abbiamo amato questa città nonostante tutto. Se avete poco tempo e dovete scegliere Gand è sicuramente una buona alternativa a Bruges. Si raggiunge in un tempo più breve (mezz’ora di treno da Bruxelles, un’ora se prendete il regionale) ed è meno affollata di turisti.

Anche se i mezzi pubblici sono molto presenti (le rotaie del tram percorrono il centro storico) a Gand ci si muove bene a piedi, in carrozza, sul battello, e in bicicletta!

Cosa c’è da vedere a Gand con i bambini?

Anche Gand come Bruges, con il suo centro pedonalizzato è a misura di bambini. L’atmosfera medievale poi è una grande attrattiva. E infatti la prima attrazione è Gravensteen, il castello dei Conti, una fortezza che risale al XII secolo.
Da non perdere, soprattutto se siete con i bambini, è proprio come quello delle favole, con il ponte levatoio, il fossato, le alte torri, e la stanza delle torture!
Lo visitiamo con l’aiuto delle audioguide (disponibili però in Inglese, Francese, Olandese e Spagnolo, ma non in Italiano). Lucrezia non si perde d’animo e la ascolta lo stesso. Lei è meticolosa nelle visite, non salta nemmeno una stanza.
E’ particolarmente interessata alla camera delle torture, dalla quale invece io invece esco subito.

La vista della città dalle mura del castello è incantevole.

Da Bruges a Gand Bruxelles Bruges e Gand con i bambini

La Cattedrale di San Bavone, custodisce una delle più importanti opere dell’arte fiamminga: il polittico l’Adorazione dell’Agnello Mistico dei fratelli Van Eyck. Anche qui con l’aiuto dell’audioguida (stavolta disponibile in italiano) Lucrezia si è appassionata alla storia raccontata e ha ascoltato con rigore tutta la spiegazione di ogni singolo pannello, quindi se pensate che la visita della cattedrale possa essere noiosa per i bambini non è detto che sia vero. Per Lucrezia, purché ci sia l’audioguida, anche i musei e le chiese sono mete apprezzate, e mai avrei pensato che potesse appassionarsi alla pittura fiamminga!

Bruxelles Bruges e Gand con i bambini

Imperdibile è una visita al mercato di Gand Groot Vleeshuis che si trova all’interno di un edificio e nacque agli inizi del ‘400 come mercato delle carni. All’interno ci sono numerosi locali in cui mangiare o bere qualcosa.

Anche a Gand facciamo il giro in battello. Il giro dura circa 40 minuti e da la possibilità di vedere tutte le caratteristiche case colorate e il castello dal canale. Durante il giro comincia a piovere, ma niente paura, la barca è attrezzata con gli ombrelli per tutti! Il giro in battello è piacevole e vi permette anche di riposare, quindi se avete bambini che non amano camminare troppo è sicuramente un bel diversivo! Ha poi quel sapore di avventura e di scoperta che rende tutto più appassionante a tutte le età.

Bruxelles Bruges e Gand con i bambini

Ma cosa c’è di più interessante di un giro in carrozza come una vera principessa?

A Gand ci concediamo quindi anche il giro in carrozza per le vie del centro storico, un modo di attraversarlo tutto con calma e assaporarne tutti gli angoli. Passiamo anche davanti al famoso cannone rosso, il Dulle Griet, posto sulla riva del Leie

Bruxelles Bruges e Gand con i bambini

Bruxelles Bruges e Gand con i bambini

E poi il consiglio è sempre lo stesso, girate senza meta, perdetevi nei vicoli che improvvisamente si affacciano sui canali, fermatevi davanti ai negozi particolari, quelli di design, le gallerie d’arte… o fermatevi a guardare qualche artista di strada che fa enormi bolle di sapone!

Bruxelles Bruges e Gand con i bambini

E lo shopping? Anche qui i negozi chiudono presto! Qualche minuti prima delle sei del pomeriggio vi fermeranno con garbo all’ingresso e alle 18 in punto tirano giù la serranda. Peccato perché ci sono negozi davvero belli! Noi riusciamo l’ultimo giorno a entrare nel centro commerciale al negozio Sissy Boy, dove Lucrezia adocchia degli stilosissimi pantaloni culottes in velluto giallo! E ovviamente li indossa subito, tanto siamo in agosto, ma con il meteo di marzo!

Informazioni tecniche e consigli

Abbiamo viaggiato in tre, mamma, papà e Lucrezia che aveva 7 anni.

Partenza 9 agosto e rientro 17 agosto 2019 con Volo Alitalia Roma-Bruxelles, spostamenti in treno da Bruxelles per Bruges e Gand.

Abbiamo soggiornato 4 notti a Bruxelles all’Hotel Marriott Grand Place, due notti a Bruges all’Hotel de L’Orangerie, 2 notti a Gand al Marriott Hotel.

Trasporti: abbiamo utilizzato il treno per spostarci da Bruxelles a Bruges e Gand, sono treni molto frequenti, non occorre prenotare il posto. I bambini fino a 10 anni viaggiano gratuitamente. Ci sono tariffe scontate se si viaggia nel weekend.

All’interno di ogni tappa ci siamo mossi principalmente a piedi. Solo a Bruxelles abbiamo utilizzato la metropolitana e il trenino per raggiungere la zona dell’Atomium, che è fuori città. Per andare dall’aeroporto/stazione all’hotel ci siamo mossi in taxi.

Per l’abbigliamento ad agosto il tempo è molto variabile, come avete visto abbiamo spesso trovato pioggia, quindi non dimenticate di mettere in valigia scarpe comode, felpa e K-Way.

Ci siamo stati ad agosto 2019 e ci è piaciuta talmente tanto che ci siamo tornati per i mercatini di Natale!

Non ci resta che augurarvi buon viaggio in famiglia!

Paola Infanti 49 anni, romana, una lavoro, un marito, una figlia, e poco tempo libero. Cintura nera di shopping. Amo l'arte, il cinema, i viaggi, il vino e il buon cibo.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here