Il vermetto nero nero: un libro su uno scherzo mal riuscito![letto con Sofia e Altea]

Ultima modifica 17 Maggio 2022

Il vermetto nero nero è un simpatico libro scritto da Luigi Malerba ed edito da Ideestortepaper.

Di questa casa editrice di Palermo, vi avevamo precedentemente parlato grazie a due libri che ci piacciono molto:

I Mostrellini, un albo per esorcizzare le paure dei mostri e Lino, il leone che trova il coraggio con il testo sia in italiano che in inglese.

Il vermetto nero nero

Il libro il vermetto nero nero ha divertito le mie bimbe perché devo dirvi è molto diverso dalle solite letture che facciamo.

In questo caso la storia non è sdolcinata o a lieto fine, tipica della letteratura dell’infanzia ma è piena di sarcasmo e molto comunicativa.

D’altronde Luigi Malerba, uno degli scrittori di maggior successo del Novecento, utilizza un linguaggio di una semplicità disarmante accostato anche all’incredibile potenza evocativa delle sue parole.

Il vermetto nero nero racconta di un vermetto di campagna lungo lungo e nero nero che decide di fare uno scherzo al contadino del podere dove vive.

Questo perché vuole vendicarsi degli uomini!

Il verme nero nero non sopporta proprio che agli uomini i vermi fanno schifo.

Una notte il vermetto si arrampica fino alla camera del contadino e si infila nei buchi delle sue scarpe, sostituendosi ai lacci.

“Il vermetto sfilò il legaccio nero di una scarpa e si mise al suo posto infilandosi dentro ai buchi, e già si fregava le mani immaginando le smorfie di disgusto del contadino la mattina dopo quando si sarebbe accorto della cosa”.

Potete, quindi, immaginare quale bello scherzo voleva fare questo simpatico vermetto al contadino.

Avrebbe sicuramente urlato e dato di matto.

Invece, l’uomo si allaccia le scarpe tranquillamente facendo anche un doppio nodo.

Il povero vermetto che voleva giocare un brutto scherzo al contadino rimane incastrato per tutta la giornata alle sue scarpe.

Solo la sera, riesce finalmente a liberarsi tutto indolenzito e malconcio.

Era talmente stremato alla fine che rimase disteso per tre giorni sul prato prima di poter tornare a strisciare.

Il libro pone l’accento sul tema del male gratuito che si tende a fare agli altri.

Il piccolo verme nero nero vuole tirare un brutto scherzo agli uomini solo perché ritiene che questi pensano che siano orribili.

Non mi fanno impazzire, ma di certo non mi metto a schiacciarli se li trovo per strada.

Il protagonista della storia pensa proprio ad un modo per fare del male gratuito all’umano, certo consapevolmente con le sue dimensioni.

Così, decide di sostituirsi ai lacci delle sue scarpe.

Purtroppo rimarrà incastrato e il suo subdolo tentativo di spaventare l’uomo diventerà la sua pena e la sua condanna.

La favola è molto scorrevole e divertente da leggere anche per i bambini più piccoli che seguono con interesse le varie pagine.

Le illustrazioni di Rosa Lombardo, realizzate con gli acquarelli rendono perfettamente il tono umoristico della narrazione e dell’ironia della storia.

Mi piacciano molto i colori che ha usato per descrivere il paesaggio della campagna ed i particolari che si possono trovare in questi disegni.

Il vermetto nero nero è molto simpatico, disegnato con un corpo allungabile e flessibile, come a simularne sempre il suo movimento.

Insomma, la storia già di per sé è divertente come dicevamo ed é impreziosita proprio da queste illustrazioni fatte a mano.

Credo che con altri disegni non sarebbe stata la stessa cosa!

Infine, un ultima particolarità di questa casa editrice è la doppia copertina che rende il volume davvero unico.

Dati tecnici:

Autore: Luigi Malerba
Illustrazioni: Rosa Lombardo
Editore: Ideestortepaper
Prezzo: 16 €
Pagine: 36

CONSIGLIATO DAI 5 ANNI

Rispondi