Parliamo di Fibrosi Polmonare Idiopatica

Ultima modifica 24 Agosto 2020

Non si può essere sempre e solo ironiche, scrivere la propria opinione su ciò che ci piace, e cosa no.
Ogni tanto è necessario fare informazione e sensibilizzare l’opinione pubblica sui vari mali della vita.
Ecco perché oggi abbiamo decisi di parlarvi della Fibrosi Polmonare Idiopatica.

La Fibrosi Polmonare Idiopatica (IPF) è una malattia grave a carico dei polmoni.
In Italia colpisce circa 16 persone ogni 100.000 abitanti, principalmente uomini con età superiore ai 50 anni.

Fibrosi Polmonare Idiopatica

I polmoni sono organi formati di un tessuto elastico atto alla respirazione, nelle persone affette da questo male purtroppo, col tempo, i polmoni subiscono una sorta di indurimento, una cicatrizzazione (fibrosi) di questo tessuto, che rende difficile la respirazione.

La fibrosi polmonare idiopatica comporta problemi di respirazione, affaticamento, tosse continua, e purtroppo è una malattia progressiva.

Il processo di cicatrizzazione purtroppo non è reversibile con alcuna cura.
Esistono però diverse possibilità di intervento che rallentano il decorso della malattia, anche se non sempre o del tutto risolutive.

L’unica cura al momento è il trapianto polmonare.

L’intervento è ovviamente una scelta non sempre percorribile a causa delle condizioni del paziente.
Esistono anche dei farmaci chiamati antifibrotici. Questi rallentano il decorso della fibrosi polmonare idiopatica e la tengono sotto controllo, ma anche questa via non è esente da difficoltà, a causa degli effetti collaterali di questi farmaci.

Fibrosi Polmonare Idiopatica

In altri casi è possibile sopperire alla difficoltà di respirazione attraverso l’ossigenoterapia o anche facendo della riabilitazione polmonare con degli operatori sanitari professionisti del settore.
L’azienda farmaceutica Roche, leader nella ricerca e nella realizzazione di molti farmaci per diverse patologie, tra cui la fibrosi polmonare idiopatica, ha realizzato una campagna di sensibilizzazione (che ha raggiunto anche noi) dal nome #FightIPF.

La campagna #FightIPF è un progetto internazionale che in Italia ha avuto il supporto dell’Intergruppo Parlamentare per le Malattie Rare e delle principali Associazioni di Pazienti presenti sul territorio.

Scopo della campagna sensibilizzare l’opinione pubblica e incoraggiare i pazienti e le loro famiglie a non farsi sopraffare dalla malattia.
Primo passo per combatterla è sicuramente l’informazione. Essere coscienti, attraverso un confronto con un esperto o con il proprio medico.
Molto importante è la diagnosi precoce. E questa campagna #FIGHTIPF vuole incoraggiare e sensibilizzare proprio su questo punto: far sì che il tempo di sopravvivenza sia sempre maggiore.

Il video, realizzato in favore della causa, disponibile anche su youtube, è stato realizzato con un “coro” di familiari di pazienti affetti da fibrosi polmonare idiopatica. Nel video tutti incoraggiano i propri cari a sfidare la malattia, suggerendo loro di essere consapevoli, forti e di non arrendersi dal realizzare i propri sogni.

La Roche ha anche realizzato una piattaforma digitale, che riunisce in un unico spazio pazienti e medici specialisti per fornire informazioni sull’IPF e su come gestire al meglio la malattia.
Imparare a conoscere la malattia può significare per i pazienti migliorare la propria qualità della vita. Gestire i sintomi, trattarli specificatamente, rallentare la progressione e aumentare l’aspettativa di vita.

Ecco perché abbiamo scelto di combattere anche noi accanto a loro

Buzzoole

Rispondi