Sciare in Svizzera

Ultima modifica 25 Ottobre 2022

Che ne dite, iniziamo a pensare a dove trascorrere qualche giorno di vacanza sulla neve? Magari non solo per sciare, ma anche scivolare sullo slittino, pattinare su un lago gelato, camminare con le racchette da neve e tanto altro.

La Svizzera è sicuramente uno dei posti più indicati per fare tutto questo.

In particolare vorrei parlarvi della regione del lago di Ginevra: laghi, montagne, spettacolari panorami, parchi di divertimento e castelli medievali sicuramente ci faranno provare intense emozioni.

Bambini sulla neve

In questa regione vengono organizzate tantissime attività per i bambini.
Ad esempio a Gryon possiamo trovare un parco giochi sulla neve particolarmente adatto ai bambini dai 3 ai 6 anni dove i bambini potranno imparare a sciare in tutta sicurezza.

A Les Diablerets, la garderie ( il nido) è  aperta ai bambini dai 2 anni fino ai 6  e offre la possibilità di giocare sia al chiuso con laboratori creativi o anche all’aperto con passeggiate e giochi sulla neve.
L’esperienza della Scuola Svizzera di sci è al servizio dei bambini più grandi e degli adulti anche a Leysin dove esiste un parco di neve davvero speciale.
A Villars ci sono addirittura due parchi gioco con installazioni pedagogiche adeguate ai bambini dai 3 anni in su e insegnanti qualificati e specializzati per imparare a sciare o giocare sulla neve o altro in tutta sicurezza e con la parola d’ordine imperativa: DIVERTIRSI!

Sci, snowbord, fondo per grandi e piccini

Gli appassionati di sci di fondo potranno godere dei circuiti dell’area del Giura che offre il più grande comprensorio dell’Europa centrale dedicato allo sci di fondo. Per chi ama sciare invece il comprensorio sciistico delle Alpi offre davvero sensazioni uniche. In apertura di stagione l’ideale è Glacier 3000 che si raggiunge in funivia. Una volta in vetta non saremo solamente soddisfatti dalle piste da sci ma anche dal meraviglioso panorama.

Le piste per scivolare con lo slittino qui sono invidiabili. Due, per menzionarne alcune: la pista di Les Diablerets che offre un percorso di ben 7,2 chilometri in mezzo alla foresta e bordato da muri di neve e, in alcuni giorni della settimana, si può percorrere anche in notturna…(suggestivo!) e la pista del Tobogganing Parc a Leysin dove si pratica lo “Snow tubing”, scivolate su piste gelate con camere ad aria gonfiate…(davvero originale!).

Non solo sci…

E per chi, come me, purtroppo ha una inguaribile inadeguatezza allo scivolare? Non abbiate paura! La Regione del lago di Ginevra offre tantissime opportunità di svago anche per noi.

Una delle prime cose da visitare sono i vigneti di Lavaux, Patrimonio UNESCO dal 2007.
14 chilometri di vigne a terrazza che sembrano gettarsi nelle acque del lago Lemano, partendo da Rolle e passando per Bursins, Tartegnin, Bugnaux e Aubonne.
Una visita al Vinorama di Lavaux merita sicuramente con i suoi intrattenimenti audio-visivi e le degustazioni dei pregiati vini così come il Museo della Vigna e del Vino nel Castello di Aigle.

Fra le attrazioni da visitare ci sono il Museo nazionale svizzero, il castello di Prangins, vicino Nyon; il castello di Rolle; il vecchio borgo e la roccaforte di Morges; il castello di Chillon, senza dubbio la più bella fortezza della Svizzera medievale.

Se il tempo lo permette si può optare per un romantico giro del lago sui battelli a vapore e a ruote che collega le città del litorale.

Sapori tipici

Questa regione svizzera figura tra le più rinomate al mondo per l’arte culinaria.

Abbiamo parlato dei vigneti e davvero  i viticoltori della Regione del Lago di Ginevra sono riusciti a dare vita a vini d’eccellenza, come lo Chasselas,il Gamay e il Pinot Nero.

Parliamo dei formaggi: l’Etivaz AOC è un formaggio di montagna a pasta dura; le Maréchal, a pasta dura e prodotto con latte crudo; la tomme Fleurette, specialità casearia di Rougemeont; la toma vodese del Giura; il Vacherin Mont-d’Or Svizzera AOC che viene prodotto esclusivamente in inverno in alcuni caseifici del Giura e particolarmente nella Vallée de Joux e tantissimi altri.

Tra i salumi troviamo il Boutefas, la salsiccia ai cavoli IGP, il Saucisson vaudois IGP.

E per finire menzioniamo i favolosi dolci che vengono preparati in questa regione:  le Amandine di Sainte-Croix  a base di mandorle e miele.
Il Bouchon vaudois, un dolce a forma di tappo di sughero composto principalmente da mandorle grattate e cioccolato; lo sformato di Goumoens, dolce lievitato guarnito di crema e zucchero, è il prodotto tipico del borgo di cui porta il nome. E poi ancora il Dolce di Vully, la Raisinée, lo sformato ai greubons…

Ma eravamo venuti qui per sciare o sbaglio????

Rispondi