Punture di zanzara, ADDIO: 3 soluzioni efficaci per bambini

Le zanzare sono un vero e proprio tormento, sia per grandi che piccini. Eccovi qualche suggerimento utile per proteggerci dalle punture di questi fastidiosissimi insetti!

0
963
Addio punture di zanzara

Ultima modifica 24 Giugno 2019

Rullo di tamburi, l’estate sta davvero arrivando!

Dopo una primavera – per usare un eufemismo – un po’ pazza, siamo arrivati al periodo più “bollente” dell’anno. Chi la ama esulterà, chi invece proprio non riesce a stare sotto il sol leone è in preda alla disperazione, rimpiangendo piumone e pigiamone.

Finalmente ci siamo. Eccoci nel pieno della bella stagione.

La luce naturale fino a tardi, i tramonti, i weekend fuori-porta, le vacanze che si avvicinano. Tutto molto bello.

Avete presente quando dopo una lunga giornata di lavoro, vi mettete belli comodi sul divano o sul letto per gustarvi la vostra serie preferita, prima di finire tra le “braccia di Morfeo”?

Bene, è proprio in quel momento che un suono chiaro e inconfondibile, si avvicina al vostro orecchio: “zzzzzzzz”.

Sciò, vade retro!

Il nostro sport estivo per eccellenza? Il lancio della ciabatta.

Addio punture di zanzara

C’è chi studia metodi alternativi per colpirle, aiutandosi con le mani o con un canovaccio, ma c’è poco da fare. Nella maggior parte dei casi questi tentativi finiscono per fallire miseramente.

Le zanzare sono un vero e proprio tormento, sia per grandi che piccini.

C’è chi dice che scelgono le loro vittime in base alla “dolcezza” del sangue, chi invece sostiene che la colpa sia del colore degli indumenti. Niente, tutti siamo vittime delle punture di zanzara.

Inconvenienti di solito privi di conseguenze gravi, ma che soprattutto per i bambini molto piccoli possono essere causa di disagi o sanguinamenti causati dall’istinto irrefrenabile di grattarsi.

Come possiamo proteggerli, quindi, dalle punture di questi fastidiosi insetti?

Addio punture di zanzara: 3 soluzioni efficaci per bambini

Non spaventatevi, qualche rimedio esiste. Potete fare ricorso a soluzioni come zanzariere da applicare sopra il lettino o la culla dove dormono, ma anche alle finestre di casa o da installare sul passeggino per le vostre passeggiate.

Scegliete anche abiti chiari, leggeri ma che vadano a proteggere le zone più delicate, minimizzando così il rischio di essere punti quando siete fuori casa.

Quando possibile, inoltre, sarebbe meglio evitare di portare bimbi molto piccoli all’esterno all’ora del tramonto, quando la concentrazione delle zanzare aumenta particolarmente.

Non dimenticate anche di tenere sempre in casa e in borsa prodotti antizanzare: nel caso dei bambini è fortemente sconsigliato usare repellenti chimici composti da sostanze dannose e tossiche per la loro pelle.

Scegliete sempre prodotti naturali e delicati! Ecco qualche consiglio:

1 – A base di oli essenziali puri al 100%, senza conservanti, profumi sintetici e derivati dal petrolio, lo Spray Corpo Zeta Free Flora allontana la minaccia zanzare in modo naturale ed ecosostenibile quando siete fuori casa.

Spray Corpo Zeta Free Flora

A base di andiroba, olio di neem e oli essenziali dall’aroma fresco e gradevole, svolge anche un’azione rinfrescante oltre che protettiva.

Basta vaporizzarlo sulle parti del corpo interessate o sui vestiti, come un normale profumo. Consigliato un utilizzo del prodotto su bambini di età superiore ai 12 mesi.

2 – In casa invece, potete utilizzare il diffusore elettrico Zetafree con oli essenziali puri di Citronella, Eucalipto e Litsea, sostanze per noi gradevoli ma allo stesso tempo odiate dalle zanzare.

Addio punture di zanzara

Potete usarlo in camera da letto o nella cameretta dei vostri bimbi tranquillamente, in quanto sicuro per grandi e piccini, così anche per gli animaletti domestici.

E vedrete che le zanzare staranno alla larga.

3 – Se i vostri bimbi sono già stati punti dalle “brutte e cattive” zanzare, potete ridurre prurito e gonfiore applicando lo spray Urtica di Weleda che restituisce sollievo immediato dal bruciore e dal prurito.

Addio punture di zanzara

In alternativa, potete utilizzare del ghiaccio sulla puntura o qualche goccia di limone.

Pronti a dire “au revoir” alle punture di zanzara?

Ma come tutte le cose, anche l’estate ha il suo “lato oscuro”.

Il caldo afoso delle città e l’asfalto che fuma, oltre che suscitare molta invidia verso chi vive al mare, al lago o in qualunque altro posto presenti una pozza sufficientemente profonda in cui immergersi, non sono niente in confronto alle odiosissime zanzare.

Rispondi