Attacchi di panico: un percorso per superarli

Ultima modifica 5 Marzo 2019

Il panico è una brutta bestia. Gli attacchi di panico o gli attacchi d’ansia sono di quelle cose che quando le senti non credi che possa davvero succedere a qualcuno.

“È come se stessi per morire” raccontano tutti quelli che hanno avuto un attacco di panico almeno una volta nella vita.

attacchi di panicoE non parliamo di persone più o meno ansiose, apprensive o solo un po’ stressate dalla vita quotidiana. Nè di quegli stati di depressione, come la depressione post-partum, temporanei e quasi fisiologici, o dovuti ad una particolare condizione.

Gli attacchi di panico, i disturbi d’ansia, sono vere e proprie malattie.

Tremori, palpitazioni, sudorazione, incapacità ad affrontare anche semplici azioni della vita quotidiana.

Tutti sintomi di un forte stato d’ansia. Che, se impedisce la normale routine quotidiana, diventa malattia.

Ed è a queste persone che noi oggi vogliamo presentare un percorso, unico in Italia, che consente loro di essere seguiti quotidianamente da esperti, attraverso la comprensione degli strumenti per combattere questa condizione.

Personalizzando al meglio le tecniche per il proprio disturbo d’ansia e di attacchi di panico (che è differente per ogni individuo).

GianMaria Zago ha provato sulla sua pelle cosa significa avere un disturbo d’attacchi di panico e d’ansia generalizzata.

E dall’incontro con il dott. Giacconi, e da una necessità e ricerca personale è nato questo progetto.

Si chiama Addio panico.

Un percorso che aiuta ogni anno centinaia e centinaia di persone in tutta Italia a superare l’ansia e gli attacchi di panico. Per tornare a vivere una vita serena con nuove consapevolezze, il tutto comodamente da casa con il proprio computer o smartphone.

attacchi di panico

Basta iscriversi al sito e fin dal primo login vengono insegnate alcune tecniche per interrompere gli attacchi di panico.

E ancora per controllare l’ansia che attanaglia durante la giornata, e diventare padrone di quei pensieri che tanto destabilizzano e sono fonte di preoccupazione.

Si passa poi ad altre tecniche personalizzate per gestire il proprio disagio.

Grazie alla quotidiana comunicazione via e-mail il team di Addio panico aiuta le persone vittime di attacchi di panico a gestire questi momenti bui.

Grazie anche a diversi video (11), un manuale di oltre 130 pagine, tracce audio e documenti per svolgere gli esercizi “anti-ansia”.

Un percorso di oltre 100 giorni, scanditi passo dopo passo da email periodiche.

attacchi di panico

Addio panico fornisce supporto anche attraverso un gruppo privato di ascolto dove, se si vuole, si riceve e si offre aiuto tra i membri stessi.

Addio panico è un percorso all’avanguardia che offre supporto diretto e quotidiano a vita.

Basta iscriversi e pagare un’unica quota che consente di essere seguiti e supportati per sempre.

Il percorso creato dal dottor dott. Giacconi (psicologo) e GianMaria Zago (counselor) è innovativo. Un programma efficace ed economico per sviluppare benessere e positività su tutti i piani.
Dopo il pagamento iniziale, tramite bonifico bancario o Paypal, la persona rimane membro del percorso senza limiti di tempo e senza pagamenti ulteriori per il supporto.
Il materiale all’interno di Addio Panico ha basi assolutamente scientifiche.
Non si tratta di un percorso clinico o farmacologico però. O di un percorso terapeutico o psicoterapeutico. Semplicemente è basato su strategie semplici e rimedi naturali. Le persone superano l’ansia, gli attacchi di panico o di ansia in modo naturale, per sempre ed in tempi brevi.

Grazie a suggerimenti sul piano fisico, psichico ed emotivo.

Parliamo di un metodo usato con successo da migliaia di persone da oltre 30 anni.
Ecco perché oggi abbiamo voluto proporlo a tutti i nostri lettori.

attacchi di panico

Oltre alla garanzia di riuscita, il percorso offre 60 giorni di garanzia soddisfatti o rimborsati.
E invita chiunque volesse a fare un test sull’ansia sul sito, completamente gratuito, che permette di avere anche un manuale (anch’esso gratuito) su ansia e panico.

Che forse dovremmo fare tutti.

Rispondi