Il Gioco delle Paure: per aiutare i figli a superare le paure divertendosi

0
184

Quest’anno Babbo Natale ha portato alla mia Lavinia un gioco in scatola che le è piaciuto davvero molto ed è piaciuto ancora di più a Mamma e a Papà. Ora vi spiego il perché.

La mia bambina ha da poco compiuto 6 anni, ci siamo trasferiti in una nuova casa, in una nuova città e a Settembre ha iniziato la Prima elementare.
Per una bambina della sua età direi che è parecchio da metabolizzare.
I bambini in età scolare e prescolare iniziano ad avere più coscienza di sé stessi e del mondo che li circonda. Questo provoca in loro paura e insicurezza. Il sostegno e la comprensione di noi genitori è fondamentale in questo delicato passaggio delle loro vite. Avere qualche strumento in più a sostegno di noi genitori di certo non guasta. E se lo strumento in questione contempla il passare del tempo di qualità insieme ai propri figli divertendosi, direi che è proprio quello che stavamo cercando!

Il Gioco delle Paure è esattamente questo:

un gioco di percorso speciale, un supporto giocoso per i nostri bambini e ragazzi pensato per aiutarli a superare le loro paure. Sono proprio i mostri ad accompagnare il giocatore lungo il percorso, dei mostri strani con tanti occhi e tante zampe, ma dall’aria familiare e amichevole.

Il Gioco delle Paure

La scatola del gioco è molto accattivante, colorata e nient’affatto spaventosa, infatti Lavinia ci ha chiesto subito di giocare con lei. E noi genitori non aspettavamo altro!

Il Gioco delle Paure

Ma come si gioca?

Ogni giocatore ha a disposizione una cartella-mostro, un vero e proprio personaggio in cartone e colori di cui si può leggere l’identikit sul retro di ogni scheda.
Sulla cartella vengono posizionati 10 gettoni paura, che raffigurano tutte le paure da superare per vincere il gioco, come la paura dei serpenti, dell’acqua, dei fantasmi e dei temporali.

Scelta la cartella, posizionati i gettoni, scelto il mostriciattolo-pedina si inizia a giocare.

Un spinner indica al giocatore di turno la posizione che deve raggiungere la propria pedina, verde, blu, rosa o verde. Sullo spinner sono presenti anche delle caselle speciali che rendono il gioco ancor più movimentato: la casella mostriciattolo amico, ad esempio, consente al giocatore di ottenere l’aiuto di qualcuno presente in casa, anche se non sta giocando, per superare una delle; la casella arcobaleno, invece, permette di scegliere il colore della casella di destinazione tra tutte le possibili; infine, la casella scaccia paura rappresenta una scorciatoia, sul tabellone si vola direttamente alla casella scaccia paura e, grazie a un gettone scaccia paura, sarà possibile scacciare dalla propria cartella una paura, senza doverla affrontare.

Ma come si affronta la paura nel gioco?

Con i gettoni affronta paura!
Ovvero parlando, mimando oppure disegnando il modo in cui si affronterebbe nella realtà la paura. Un compagno sceglie una tra le tre modalità possibili e il giocatore affronta come meglio crede la propria paura, facendo esempi concreti, raccontando episodi di vissuto o immaginando la strategia migliore.
Tutti i partecipanti sono i giudici del coraggio del giocatore e, se ritengono che la paura sia stata superata, il giocatore vince una monetina (girando il gettone affronta paura) e spegne definitivamente la paura sulla propria cartella. Ogni tre monetine conquistate permettono di spegnere un’ulteriore paura.

Vince il gioco chi gira per primo tutti i gettoni paura della propria cartella. Ma in realtà vincono tutti! I ragazzi, perché hanno modo di capire le proprie paure, parlandone, e quelle degli altri, ascoltando; i genitori, perché regalano ai propri figli il tempo e il sostegno da dedicare a questo delicato argomento, la paura.

Il Gioco delle Paure

E poi tutti si divertono!

Lisciani ha centrato un altro obbiettivo!
Questo gioco, consigliato dai 6 anni, è divertente e molto intelligente, colorato e semplice. Invita i giocatori a collaborare, a parlare e a farsi aiutare dagli altri e dalla propria fantasia.

Non credo ci sia modo migliore di sconfiggere le proprie paure affrontandole in modo sereno e, perché no, scherzoso.

Assolutamente consigliato dalla mia Lavinia, ma soprattutto, dalla mamma di Lavinia!
Della stessa serie, potrete trovare tanti altri invitanti giochi, tra cui Il Castello Stregato, La Chimica dei Mostri e Le Casette dei Mostri.
A voi la scelta più adatta ai vostri bambini.

Sono Mamma Fra, la mamma di due super-duper divertenti bambini: Lavinia Iulia di 6 anni e mezzo e Adriano Augusto di 2 anni. Originaria di Roma, ho vissuto nel giardino verde dell'Inghiltetra, il Kent con i miei bambini, il mio fantastico compagno e un enorme pastore maremmano di nome Roma. Siamo da poco tornati in Patria, viviamo a Bergamo e siamo 'Milano addicted'! Ci divertiamo moltissimo insieme, non stiamo mai fermi e ogni passeggiata diventa un'avventura.

Rispondi