Il piccolo principe in scena al Nazionale

Ultima modifica 30 Gennaio 2018

Ascoltare una storia ed essere coinvolti. Alzare la mano per rispondere alle domande di Antoine, il Piccolo Principe, e aiutarlo a tornare a casa. Un viaggio tra effetti sonori, proiezioni, la magia delle illustrazioni realizzate da Neva Chiaregiato e la bravura di  Antonio Speranza, unica presenza sul palco, voce narrante ed attore.

Questo quello che abbiamo vissuto domenica scorsa al Teatro Nazionale di Milano. Una rivisitazione teatrale de ‘Il Piccolo Principe‘ testo nato dalla penna di Antonine De Saint- Exupéry nel 1942 e pubblicato l’anno successivo. Uno dei libri più letti al mondo, per le sue tematiche complesse.

il-piccolo-principe

Devo dire che quella mattina Angelo non era proprio convinto di uscire di casa così presto, il sabato sera facciamo sempre tardi e la mattina della domenica amiamo tuffarci nel lettone e coccolarci. Però stranamente non mi ci è voluto molto per convincerlo.. mi è bastato dire che lo avrei portato a vedere uno spettacolo a teatro. Lui adora il teatro. Anche se più che da spettatore lo vivrebbe da protagonista, ma questa è un’altra storia.

il-piccolo-principe1

Meta, il Teatro Nazionale dove fino al 14 maggio c’è in scena il Piccolo Principe adattato da Chiara Noschese.  Arriviamo che lo spettacolo stava per iniziare, le luci soffuse, sul palco qualche bidone, chiavi inglesi, pneumatici, ed un uomo solo, perso che, come il Piccolo Principe non desidera altro che tornare a casa dove probabilmente lo aspetta la sua famiglia.

Uno spettacolo fondato sull’importanza dei valori: l’amicizia, la speranza, la bellezza, l’amore. Valori che al giorno d’oggi vengono spesso dimenticati. Portarli in scena per farli comprendere ai bambini coinvolgendoli attraverso il racconto di una storia.

Noi ci siamo divertiti molto. Angelo è stato attentissimo per tutto il tempo, anche quando lo spettacolo poteva, nella seconda parte, essere più difficile da comprendere. Ma grazie alla bravura dell’attore.. tutto è filato liscio, fino al finale al quale sono state meravigliosamente accostate le musiche dei Pink Floyd personalizzate.

SA e DO ore 10.30 – esclusi il 4 e 5 aprile
scolastiche repliche MER e GIO sempre alle ore 10.30

Prezzi dei biglietti: 
Bambini Euro 12,00
Adulti Euro 18,00
Nonni accompagnati da almeno un bambino Euro 15,50
Per maggiori info: www.teatronazionale.it

 Monica Volta

Rispondi